Condividi

Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi

Di Piergiorgio Zotti, Copywriter per AnimalPedia. 24 ottobre 2017
Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi

Vedi schede di Cani

Il condizionamento classico, conosciuto anche come condizionamento rispondente, è un paradigma dell'apprendimento sviluppato dal premio Nobel per la medicina Ivan Pavlov. Fu scoperto dal fisiologo ed etologo mentre studiava i processi digestivi dei cani. Si tratta di un tipo di apprendimento semplice e dinamico, frutto di un'investigazione scientifica intensa.

In questo articolo di AnimalPedia ti spiegheremo nel dettaglio cos'è il condizionamento classico nel cane e come può essere utilizzato per l'addestramento dell'animale, pertanto, analizzeremo sia la teoria che degli esempi pratici.

Potrebbe interessarti anche: Simbiosi: significato ed esempi

Apprendimento per condizionamento classico

I numerosi stimoli ambientali producono risposte riflesse che non sono state imparate. Per esempio, la presenza di cibo in bocca produce salivazione, un rumore forte causa soprassalto, la luce intensa produce contrazione delle pupille, eccetera. Gli stimoli che producono queste risposte vengono conosciuti come stimoli incondizionati e le risposte vengono definite risposte incondizionate. In questo caso, il termine incondizionato significa che non è necessario l'apprendimento affinché lo stimolo provochi una risposta.

Altri stimoli sono neutri perché non causano risposte riflesse sull'organismo. Per esempio, il suono di un campanellino non provocherà salivazione.

Il condizionamento classico o rispondente avviene quando uno stimolo neutro acquisisce la proprietà di produrre una risposta incondizionata, perché è stato associato diverse volte con lo stimolo incondizionato. Per esempio, se fai suonare una campana ogni volta che offri cibo al tuo cane, dopo un po' di tempo assocerà il suono con gli alimenti e saliverà ogni volta che lo sente.

Lo stimolo neutro che ha acquisito la proprietà do produrre la risposta di riflesso si conosce come stimolo condizionato. Il termine "condizionato" significa che l'apprendimento è necessario affinché lo stimolo provochi la risposta. È facile vedere il condizionamento classico nella vita quotidiana. Vediamo alcuni esempi con i cani:

  • i cani provano grandi emozioni ogni volta che il loro padrone prende il guinzaglio per portarli a passeggiare.
  • Un cane che accorre immediatamente quando il proprietario tocca il recipiente del cibo.
  • I cani che corrono a nascondersi ogni volta che vedono il giardiniere, perché lo sacciano a eventi sgradevoli (forte rumore del tosaerba, eccetera).
Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi - Apprendimento per condizionamento classico

Controcondizionamento nel cane

Una risposta che è stata condizionata, può essere anche contro-condizionata. Ovvero, l'apprendimento per condizionamento classico può essere invertito utilizzando lo stesso processo.

Per esempio, un cane che imparò a essere aggressivo per causa di cattive esperienze con la gente, può imparare a socializzare con le persone se gli capita qualcosa di gradevole ogni volta che vede un estraneo.

Il processo di controcondizionamento viene usato spesso per modificare comportamenti emotivi inappropriati e si applica con la desensibilizzazione. Utilizzare il rinforzo positivo è estremamente efficace.

Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi - Controcondizionamento nel cane

Il condizionamento classico nell'addestramento dei cani

Questo paradigma dell'apprendimento è uno strumento molto efficace per l'addestramento dei cani, infatti, permette di lavorare direttamente sulle emozioni dell'animale. Pertanto, il condizionamento classico sarà utile per socializzare il tuo cane, trattare le fobie che ha e ridurre i comportamenti indesiderati.

In ogni caso, il principio dell'addestramento consiste nel far sì che il cane associ a cose gradevoli (cibo, giochi, eccetera) la gente, gli altri animali o le situazioni stressanti.

Ora che conosci teoria ed esempi sul paradigma dell'apprendimento di Ivan Pavlov, ricorda che per il suo utilizzo pratico puoi aiutarti con il clicker per cani, ti sarà molto d'aiuto.

Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi - Il condizionamento classico nell'addestramento dei cani

Se desideri leggere altri articoli simili a Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Educazione di base.

Scrivi un commento su Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Selene
Il mio cane non si avvicina alla sala da bagno dalla Prima volta che gli ho fatto la doccia

Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi
1 di 4
Condizionamento classico nel cane: teoria ed esempi

Torna su