menu
Condividi

Cosa mangiano le mosche?

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 4 luglio 2021
Cosa mangiano le mosche?

Le mosche sono insetti dell'ordine dei ditteri (con due ali). Questi animali hanno un'ampia classificazione con migliaia di specie diverse. Molte mosche non hanno alcun impatto sulla dinamica delle persone, tuttavia, un gruppo di esse provocano problemi di salute, essendo vettrici di diverse malattie pericolose.

Non sono poche le specie di questi insetti che sono sinantropiche. Ciò significa che si sono adattate a vivere in ambienti umani e dipendono dalle condizioni che creano le persone vivendo negli habitat urbani, o dipendono dagli animali che l'uomo alleva, per la loro riproduzione e alimentazione. Da AnimalPedia vi presentiamo un articolo sull'alimentazione delle mosche, rispondendo alla domanda 'Cosa mangiano le mosche?', visto che in molti casi la loro nutrizione si associa precisamente a malattie che possono colpire persone ed animali.

Potrebbe interessarti anche: A cosa servono le mosche?

Mosche erbivore

La specie Drosophila melanogaster, appartenente alla famiglia Drosophilidae, è uno degli esempi classici di insetti che si cibano di frutta (frugivori) in processo di fermentazione, da lì il nome di mosca della frutta. Vive praticamente in tutto il mondo se si eccettua l'Antartide, ed è assente anche nei deserti e sulle catene montuose. Le abitudini alimentari di questo dittero sono costituite da materia vegetale. Quando sono adulte consumano frutta e piante in decomposizione. D'altro canto le uova vengono collocate nei frutti poco maturi, in maniera tale che le larve mano a mano che crescono si nutrono della polpa del frutto. Questa specie danneggia la maggior parte dei prodotti di cui si alimenta.

Mosca della frutta

La mosca della frutta è una specie altamente utilizzata in ricerche e studi scientifici, vincolati alla genetica. Per tanto, quando si fanno riprodurre in laboratorio a tali fini, molte volte vengono alimentate con terreni di coltura nutritivi e zuccherini, che suppliscono alle loro necessità alimentari.

Mosca delle mansarde

La mosca delle mansarde (Pollenia rudis), è un'altra specie che si ciba di resina, fiori e frutti quando è adulta. Tuttavia nella fase larvale è un insetto carnivoro, che si ciba di lombrichi, come ad esempio il Lumbricus rubellus e Lumbricus terrestris, tra gli altri. Questa specie si trova in America Settentrionale ed in Europa; può infastidire la loro caratteristica di raggrupparsi dentro alle case quando la temperatura esterna diminuisce.

Mosca mediterranea

Altro esempio di questi insetti che si cibano di erbe, è la mosca del Mediterraneo della frutta (Eratitis capitata). E' originaria dell'Africa Occidentale, ma attualmente ha una distribuzione globale. le femmine di questa specie perforano diversi tipi di frutta e vi inseriscono le loro uova. Una volta che spuntano le larve, esse si alimentano della polpa della frutta, ma in molti casi sono anche vettori di funghi patogeni che causano danni notevoli. Nella fase adulta, la specie segue una alimentazione a base di frutta, come albicocche, nespole, pesche, fichi, agrumi ed altro. Questa mosca è considerata dannosa per diversi tipi di coltivazioni.

Altre mosche frugivore

Altre mosche erbivore sono quelle del genere Graphomya, appartenenti alla famiglia Muscidae. Anche se sono predatori durante la loro fase larvale, in quella adulta si cibano di nettare.

Possiamo inoltre menzionare le mosche della famiglia Anthomyiidae, che includono parecchie specie totalmente erbivore. Esse nella fase larvale ed adulta si cibano di varie parti della piante, aspetto che causa gravi danni all'agricoltura.

Cosa mangiano le mosche? - Mosche erbivore

Mosche che si alimentano di sangue

Esiste un gruppo di mosche piuttosto eterogeneo che basano la propria alimentazione sul sangue degli animali e dell'uomo. Oltre alla suzione questi insetti possono passare elementi patogeni, che causano malattie, alle vittime colpite. Ecco alcuni esempi di mosche emofaghe:

Mosca delle corna

La mosca delle corna (Haematobia irritans), anche se nativa dell'Europa, è stata introdotta nel Nord America, ed è oggi considerata una piaga capace di causare danni gravi agli allevamenti. Le uova vengono depositate nelle feci di quest animali, luogo da cui emergeranno le larve e vi rimarranno fino allo stato adulto. Le larve si cibano di letame, giovandosi dei batteri e dei prodotti che questi formano. Tuttavia gli adulti, una volta in grado di volare, andranno in cerca di un esemplare del gregge per succhiarne il sangue. Questa specie rimarrà per tutta la vita tra lo stesso gruppo di animali, e solo le femmine abbandoneranno il luogo per covare le uova. Quando un bovino è attaccato da tante mosche delle corna, la sua salute peggiora drasticamente. La causa di questo stato di malessere è dovuta da un lato alla perdita del sangue succhiato dalle mosche e dall'altra dalle piaghe che si formano in conseguenza. Infatti un altro effetto secondario è che altri ditteri approfittano delle piaghe aperte per deporre anche le loro uova in esse, provocando ciò che viene chiamato in veterinaria miasi.

Mosche della sabbia

In aggiunta possiamo anche menzionare il genere Phlebotomus, che raggruppa varie specie comunemente chiamate 'sand flies' o mosche della sabbia. Queste mosche vivono nelle aree del Mediterraneo e tropicali. In questa specie la femmina che si ciba di sangue, è in grado di trasmettere alcune malattie come la leishmaniosi.

Mosca delle stalle

Per concludere ci occuperemo della mosca delle stalle che anche se è originaria dell'Asia e dell'Europa, attualmente è distribuita globalmente. Sia i maschi che le femmine si cibano esclusivamente di sangue, di solito dei bovini e dei cavalli, anche se non disdegnano altri animali e anche le persone. La specie è un vettore del gruppo dei Trypanosoma, che causano malattie gravi e che possono generare altre patologie a uomini ed animali.

Cosa mangiano le mosche? - Mosche che si alimentano di sangue

Mosche che si alimentano di materia in decomposizione

Esistono alcune mosche che si alimentano esclusivamente di materia in decomposizione, per cui possono essere considerate mosche spazzine o saprofaghi. Ad esempio la famiglia delle Fanniidae, che si distribuisce in Asia, Africa ed Australia. Esiste anche la famiglia Scathophagida, gruppo conosciuto anche come 'mosche del letame' perché le loro larve si alimentano della materia fecale degli animali. Anche gli adult possono nutrirsi delle feci oppure optare per materia vegetale in decomposizione.

Cosa mangiano le mosche? - Mosche che si alimentano di materia in decomposizione

Altri fonti di alimento delle mosche

In questo articolo non potevamo non occuparci del rappresentante più emblematico di questi insetti, ossia la mosca comune o domestica (Musca domestica). Si distribuisce in tutto il mondo e vive nelle case urbane. E' in grado di trasmettere diversi patogeni che colpiscono in maniera importante la salute delle persone e di alcuni animali, generando malattie come il colera, la salmonellosi, la febbre tifoide e la dissenteria.

Proprio perché vive a contatto con le case dell'uomo, l'alimentazione della mosca comune è molto varia. Include praticamente tutto quello che l'uomo consuma, ed il contatto con il cibo provoca la contaminazione biologica di quest'ultimo. Le mosche comuni possono anche cibarsi di materia in decomposizione, e feci degli animali domestici. Inoltre possiamo trovare anche specie predatrici, carnivore, che appartengono alla famiglia delle Asilidae, dette anche mosche assassine, visto che gli esemplari adulti sono aggressivi e si cibano di altri insetti.

Una specie peculiare è la mosca dell'Autunno (Musca autumnali), che ha un ampia distribuzione sia in Asia ed n Europa. Quando è nella fase adulta si ciba di sterco, zuccheri delle piante ma anche delle secrezioni attorno agli occhi, al naso ed alla bocca di cavalli e vacche. Si ciba anche del sangue di questi animali.

Abbiamo potuto notare che un gruppo altamente diversificato come le mosche lo è anche nella sua alimentazione, che varia da gruppi specializzati ad altri praticamente onnivori.

Le mosche sono animali poco amati dalle persone, perché possono essere sia fastidiosi che pericolosi per la salute dell'uomo e dei suoi animali domestici. Tuttavia, molte volte la loro presenza in certi luoghi come anche il loro alto tasso di riproduzione sono responsabilità dell'uomo che li ha introdotti in habitat nei quali non vivevano prima, offrendo loro le condizioni ottimali per riprodursi e prosperare.

In ogni caso, sarà sempre consigliabile cercare di regolare la loro presenza con l'uso di repellenti naturali e controllori biologici e minimizzare nel limite del possibile l'uso di insetticidi chimici, che sono dannosi per la salute delle persone e degli animali, ed in generale per l'ambiente in cui viviamo.

Potrebbe interessarvi anche il nostro articolo "A cosa servono le mosche?".

Se desideri leggere altri articoli simili a Cosa mangiano le mosche?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Bermejo, J. (2011). Información sobre Ceratitis capitata. Agrecológica. Disponible en: http://www.agrologica.es/informacion-plaga/mosca-fruta-ceratitis-capitata/
  • Miller, C. (2000). "Drosophila melanogaster" (en línea), Animal Diversity Web. University of Michigan, Museum of Zoology. Disponible en: https://animaldiversity.org/accounts/Drosophila_melanogaster/
  • U.C.V. (2009). Entomología. Facultad de Agronomía, Departamento de Zoología Agrícola. Disponible en: http://www.ucv.ve/fileadmin/user_upload/facultad_agronomia/Imagenes/Entomologia_2009_-_III_Unidad_-_13ra_Clase_Diptera.pdf

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Cosa mangiano le mosche?
1 di 4
Cosa mangiano le mosche?

Torna su