menu
Condividi

Epilessia idiopatica nei cani: sintomi e trattamento

Di Administrador AnimalPedia. 14 ottobre 2022
Epilessia idiopatica nei cani: sintomi e trattamento

Vedi schede di Cani

L'epilessia consiste in un'attività neuronale esagerata, eccessiva o secondaria a un difetto nell'inibizione dell'attività elettrica neuronale, facendo sì che i neuroni rimangano in connessione, inviando segnali in modo continuo ed esagerato, Gli attacchi epilettici si manifestano sotto forma di contrazioni muscolari involontarie, note come convulsioni. L'epilessia può avere cause diverse nella specie canina, ma in questo articolo tratteremo l'epilessia idiopatica, una diagnosi di epilessia per esclusione e che può colpire il tuo cane.

Continua a leggere questo articolo di AnimalPedia per conoscere tutti i dettagli dell'epilessia idiopatica nei cani, la causa, sintomi, diagnosi e trattamento.

Cos'è l'epilessia idiopatica nei cani?

L'epilessia idiopatica o genetica, vera o essenziale, è il tipo più comune di epilessia nei cani. La causa è sconosciuta, anche se sembra avere un'origine genetica, in cui i cani di taglia grande sembrano più predisposti. Di solito viene diagnosticata a 1-5 anni.

L'epilessia idiopatica è una malattia neurologica il cui sintomo principale è convulsioni prodotte negli emisferi cerebrali a causa di un'eccessiva attività elettrica neuronale o un difetto nell'inibizione dell'attività elettrica, Quindi i neuroni sono collegati e si mandano segnali in modo esagerato, con conseguente crisi epilettiche.

Sintomi dell'epilessia idiopatica nei cani

Il chiaro sintomo dell'epilessia idiopatica nei cani è l'attacco convulsivo. L'attacco può essere in due modi:

  • Un attacco epilettico tonico-clonico o sotto forma di crisi epilettiche focali che colpiscono una singola regione o gruppo muscolare. Ad esempio, in questo caso è comune notare che il cane trema la testa, anche se vale la pena notare che ci sono altre cause che producono questo sintomo. Nelle crisi parziali, i cani di solito mostrano contrazioni ritmiche di muscoli masticatori o facciali in cui leccano o masticano una regione del corpo o sembrano "catturare le mosche".
  • Sotto forma di convulsioni generalizzate di tutto il corpo o gruppi muscolari dei cani colpiti.

Questi attacchi epilettici di solito compaiono di notte o mentre l'animale riposa. Generalmente, la separazione tra due crisi epilettiche si situa intorno alle 4 settimane, potendo prolungarsi nel tempo. Durante questo periodo alcuni cani possono manifestare disorientamento, paura, abbaiare, aumento dell'appetito e della sete, cecità o tremori, anche se spesso si trovano perfettamente tra le convulsioni.

Cause dell'epilessia idiopatica nei cani

Non si conosce una causa chiara di epilessia idiopatica nei cani, da cui il nome. Mentre gli attacchi epilettici possono verificarsi per vari motivi, tra cui infiammazioni, intossicazioni, infezioni, malformazioni congenite dei tessuti cerebrali, problemi a livello dei vasi sanguigni, tumori o disturbi metabolici, Nel caso dell'epilessia idiopatica, l'origine non può essere stabilita in modo chiaro, sebbene presenti caratteristiche simili di insorgenza tra i cani che ne sono affetti.

Esistono razze più predisposte, generalmente di peso superiore a 15 kg, in particolare:

  • Labrador.
  • Golden retriever.
  • Boxer.
  • Pastore belga.
  • Pastore australiano.
  • Il boia di Berna.
  • Husky della Siberia.

L'età è compresa tra 6 mesi e 5 anni e la sua presentazione è improvvisamente acuta, la cui durata e modelli non possono essere previsti. Per questo motivo, sembra avere una causa genetica o ereditaria, che viene nei geni dei cani.

Diagnosi dell'epilessia idiopatica nei cani

Nell'epilessia idiopatica canina la diagnosi è di esclusione dopo aver escluso le cause reattive e lesionali che provocano epilessia nel cane. Ogni buona diagnosi dovrebbe iniziare con una buona anamnesi al caregiver, dove gli viene chiesto il suo piano sanitario, intossicazioni, alimentazione, cambiamenti nel comportamento o nello stile di vita, ecc.; un esame generale del cane per valutare il suo stato fisico prima di passare a esami specifici; e un buon esame neurologico per identificare, se del caso, una localizzazione neurologica danneggiata, in particolare quelli di localizzazione intracranica, Questo indicherebbe una probabile epilessia sintomatica o reattiva ed escluderebbe l'epilessia idiopatica.

Sarà inoltre necessario eseguire analisi del sangue, biochimica e delle urine per trovare una possibile causa metabolica, elettrolitica, epatica o di origine tossica che può causare convulsioni nei cani. Le infezioni da Neospora o dal virus del cimurro canino devono essere escluse anche mediante esami di laboratorio come la PCR o la sierologia.

L'analisi del liquido cerebrospinale può evidenziare un processo infiammatorio nel sistema nervoso centrale. Tra tutti i test di diagnostica per immagini, vale la pena notare la risonanza magnetica per la sua migliore risoluzione e contrasto dei tessuti molli, che può incontrare con maggiore sensibilità tumori, infezioni o anomalie congenite.

Trattamento dell'epilessia idiopatica nei cani

Come curare l'epilessia idiopatica nei cani? Il trattamento dell'epilessia idiopatica nei cani deve essere basato sull'uso di anticonvulsivanti per minimizzare o eliminare gli attacchi epilettici e mantenere una corretta qualità di vita del cane colpito. Si raccomanda di iniziare la terapia in tutti i cani che hanno avuto due o più attacchi convulsivi in meno di 6 mesi, in cui si verificano attacchi epilettici in cani molto seguiti o la gravità degli stessi aumenta.

Il farmaco usato di solito è il fenobarbital, che è un barbiturico che aumenta la conduzione inibitoria di GABA e Cl-, diminuendo il flusso di calcio ai neuroni e l'eccitazione neuronale associata al glutammato. Il metabolismo epatico può influire sul metabolismo di altri farmaci che utilizzano la stessa via. Presenta un buon assorbimento e biodisponibilità, potendo essere somministrato per via orale o parenterale. La sua efficacia è di circa l'80% per controllare le convulsioni dei cani, a condizione che i suoi livelli rimangano tra 23 e 30 µg/ml. La dose iniziale raccomandata è di solito di 2,5-3 mg/kg/12 ore, ma deve essere regolata secondo i livelli sierici misurati dopo 15-20 giorni dall'inizio del trattamento e da ogni riallineamento di dose.

Ci sono altri farmaci che possono essere utilizzati per trattare l'epilessia idiopatica canina, come il bromuro di potassio, che poiché può attraversare i canali cl- ionici produce un'iperpolarizzazione delle membrane neuronali. Di solito è meno efficace del precedente all'inizio del trattamento, ma ha un effetto sinergico se aggiunto insieme al fenobarbital. Non presenta metabolismo epatico e la dose è compresa tra 30 e 40 mg/kg/24 ore, con livelli sierici di 2000-3000 mg/l in monoterapia e di 1000-3000 mg/l in combinazione con fenobarbital.

Come rassicurare un cane con epilessia?

È normale che ci spaventi vedere il nostro cane soffrire di un attacco epilettico e vogliamo calmarlo al più presto. Tuttavia, se non abbiamo i farmaci, è meglio non toccare l'animale e andare al centro veterinario non appena l'attacco è finito. Dobbiamo spostare il cane solo se l'attacco si verifica in un luogo dove può essere danneggiato. Se l'ambiente è sicuro, è preferibile lasciarlo in modo da non provocare il ripetersi dell'attacco.

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Epilessia idiopatica nei cani: sintomi e trattamento, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie dell'apparato riproduttore.

Bibliografia
  • Martín, P. Tratamiento de la epilepsia idiopática canina. Disponible en: https://www.imveterinaria.es/uploads/2018/06/tratamiento_epilepsia_idiopatica_1849_20180626115804.pdf
  • Moliner, M. (2017). La epilepsia refractaria canina. Disponible en: https://zaguan.unizar.es/record/63840/files/TAZ-TFG-2017-4271.pdf?version=1

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Epilessia idiopatica nei cani: sintomi e trattamento
Epilessia idiopatica nei cani: sintomi e trattamento

Torna su