Condividi

Gattini appena nati senza mamma: come accudirli?

Di Cecilia Natale, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. Aggiornato: 19 febbraio 2018
Gattini appena nati senza mamma: come accudirli?

Vedi schede di Gatti

È difficile sostituire mamma gatta quando si ha a che fare con dei gattini orfani che sono stati rifiutati e abbandonati o semplicemente trovarsi a doversene prendere cura perché la mamma, per motivi quali per esempio una malattia, non può occuparsene.

In questo articolo di AnimalPedia vogliamo darti alcuni consigli se hai dei gattini appena nati senza mamma, come accudirli in maniera corretta in modo che crescano sani e senza nessun tipo di problema fisico né comportamentale. Continua a leggere questa guida per accudire la cucciolata di gattini orfani al meglio.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione dei gattini appena nati

Gattini senza mamma: cosa fare?

Le situazioni nella quali è possibile ritrovarsi a fare da madre di gattini abbandonati possono essere le seguenti: la gatta rifiuta i cuccioli, non gli dà da mangiare, è malata e quindi non può occuparsi dei piccoli o, purtroppo, è morta.

In ogni caso è bene accertarsi che effettivamente la madre non ci sia o abbia abbandonato i cuccioli perché è possibile che li abbia lasciati momentaneamente da soli in un luogo che le sembra sicuro e dia andata a cercare del cibo per esempio. Se si tratta effettivamente di gattini senza mamma, dovrai fare molta attenzione perché sono vulnerabili e sensibili, soprattutto nelle prime 3 settimane di vita. Superata questa fase, invece, è più probabile che i mici sopravvivano.

Dove mettere i gattini appena nati?

La prima cosa da fare è preparare un spazio adatto per poter accogliere i gattini e dovrà essere una specie di nido comodo, caldo e protetto in un luogo tranquillo della casa. Per crearlo, usa una cesta, una scatola o una cuccia per gatti e mettila dove non ci sono correnti d'aria e rumori forti. Scegli una stanza dove non entrano molte persone o dove non entri spesso, ma ricorda di tenerli d'occhio.

Per accudire dei gattini appena nati senza mamma uno degli aspetti più importanti è la temperatura corporea perché, essendo così, piccoli, ancora non sono in grado di regolarla da soli. Per far sì che lo spazio in cui si trovano i micini sia caldo e non li faccia raffreddare, segui i consigli che ti diamo di seguito:

1. Metti delle coperte nella cuccia dei mici e lavale spesso.
2. Assicurati che i gattini stiano al caldo in questo modo:

  • Cuscinetto termico apposito per animali, meglio se avvolto in una coperta per evitare eventuali incidenti.
  • Scalda una borsa dell'acqua calda in modo che mantenga una temperatura di circa 37º, avvolgila in una coperta e mettila vicino ai gattini.
  • Anche il calore del tuo corpo gli darà sollievo, così come ascoltare il battito del tuo cuore come avrebbero fatto con la mamma. Non dimenticare che i gattini si tengono caldo a vicenda quando dormono stando molto vicini tra loro, per cui non dividerli in ceste o cucce diverse.
Gattini appena nati senza mamma: come accudirli? - Dove mettere i gattini appena nati?

Come nutrire un gattino appena nato?

Proprio come succede per i neonati o per qualsiasi mammifero, il cibo migliore per dei gattini appena nati è il latte materno. Però in questo caso stiamo parlando di gattini appena nati senza mamma, per cui quest'opzione non è valida né disponibile e quindi bisogna ricorrere a un latte maternizzato per cuccioli. Potrai prepararlo seguendo la ricetta del link oppure comprarlo nei negozi per animali, farmacie e cliniche veterinarie. Almeno per le prime 3 settimane, questo alimento darà la base della nutrizione dei dei gattini orfani.

Mai dargli latte vaccino né altri prodotti di questo tipo adatti al consumo umano perché possono causare diarrea e altri problemi di digestione nei felini e, dato che sono dei gattini piccoli, potrebbero disidratarsi facilmente con gravi conseguenze, anche letali. Se hai appena preso i gattini e non hai gli ingredienti per preparare del latte per gattini fatto in casa, dagli dell'acqua tiepida per far sì che non si disidratino.

Quando avrai il latte, prepararlo seguendo le istruzioni della confezione (o i passi della ricetta) e daglielo tiepido. Dovrai allattarli con un biberon che dovrà simulare le mammelle della mamma, per cui mettilo in orizzontale in modo che il possano succhiare il latte. Mai mettere il micio come un neonato: potrebbe strozzarsi! Una delle abitudini dei micini è quella di fare la pasta per stimolare le mammelle della mamma a dargli più latte: si tratta di un comportamento istintivo, quindi assicurati che abbiano delle coperte morbide sulle quali poterlo fare. Quando vedi che non succhiano più o si sono addormentati, potrai togliere il biberon. Fagli fare il ruttino dopo mangiato dandogli dei colpetti leggeri sul dorso.

Per le prime due settimane, i gattini dovranno mangiare ogni 2 ore, anche di notte; trascorso questo periodo, potrai dargli il latte ogni 4 ore e via dicendo.

Gattini appena nati senza mamma: come accudirli? - Come nutrire un gattino appena nato?

Stimolare la cacca nei gattini

Uno degli aspetti principali da non trascurare quando si accudiscono gattini appena nati senza mamma è stimolare la cacca. È la madre, infatti, a stimolare lo sfintere del micio con la lingua in modo che possa defecare e urinare senza problemi, per cui tu dovrai simulare questo comportamento. Con un panno bagnato in acqua tiepida, strofina leggermente i genitali del micio, sempre nella stessa direzione, fino a che non fa i bisogni. Mettili su uno straccio pulito e non farlo nella cuccia per non sporcarla. Dovrai ripetere quest'operazione dopo ogni pasto e accertarti che abbia fatto tutto.

Gli escrementi del gattino non dovrebbero emanare un odore forte. In caso contrario potrebbe essere un sintomo di problemi di salute, per cui l'ideale è consultare il veterinario.

Per lavare, o meglio, pulire un gattino inumidisci un panno con acqua tiepida e accarezza il pelo del micio. Una volta finito, assicurati di aver asciugato completamente il pelo del micetto perché potrebbe raffreddarsi e, come abbiamo detto, quando è ancora così piccolo un raffreddore potrebbe essere davvero pericoloso.

Gattini appena nati senza mamma: come accudirli? - Stimolare la cacca nei gattini

Toccare un gattino appena nato

Dato che nelle prime settimane i gattini appena nati sono molto delicati, per evitare che prendano malattie o infezioni prendi le seguenti precauzioni per accudirli:

  • Lavati bene mani e braccia prima di prendere i cuccioli.
  • Se in casa hai altri animali, assicurati che si tengano lontani dai gattini per le prime due o tre settimane per evitare incidenti o che trasmettano loro malattie.
  • Non far giocare altri animali con gli oggetti dei gattini.

Speriamo che questi consigli ti siano stati utili per accudire i gattini appena nati senza mamma: ricorda di andare dal veterinario per sapere se stanno bene e presta attenzione a eventuali anomalie che potrebbero indicare la presenza di problemi di salute. Sempre dal veterinario, assicurati di rispettare il calendario delle vaccinazioni.

Se desideri leggere altri articoli simili a Gattini appena nati senza mamma: come accudirli?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cure extra.

Scrivi un commento su Gattini appena nati senza mamma: come accudirli?

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
ottavia meini
ciao, ho dei gattini di 4 giorni che la mamma ha rifiutato.
come devo comportarmi con la cura degli occhi??? io per adesso li massaggio ad ogni pasto con un batuffolo di cotone umido. va bene??
grazie.

Gattini appena nati senza mamma: come accudirli?
1 di 4
Gattini appena nati senza mamma: come accudirli?

Torna su