Condividi

Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio

 
Di María Besteiros. 28 giugno 2020
Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio

Vedi schede di Cani

L'orchiectomia del cane è una procedura diffusa nella maggior parte delle cliniche veterinarie. Grazie ai suoi numerosi vantaggi, è diventata una procedura sempre più comune. L'orchiectomia si tratta della rimozione dei testicoli, in modo che il cane non possa riprodursi o essere affetto da patologie che derivano dagli ormoni sessuali.

In questo articolo di AnimalPedia vedremo in cosa consiste e di quali cure avrà bisogno il nostro cane dopo l'operazione.

Potrebbe interessarti anche: 10 sintomi di dolore nel cane

Cos'è la orchiectomia nel cane?

Letteralmente, orchiectomia è la rimozione chirurgica dei testicoli. "Orkhi" ha il significato di "testicolo" in greco, mentre "ektomia" significa "rimozione chirurgica". Pertanto, l'orchiectomia è il modo tecnico di riferirsi a ciò che più comunemente chiamiamo castrazione o sterilizzazione. Anche se questi due termini sono comunemente usati come sinonimi, per orchiectomia si intende la castrazione, poiché è la tecnica chirurgica che prevede la rimozione dei testicoli. D'altra parte, sterilizzare significa rendere il cane sterile, si parla dunque di vasectomia, che rendere sterile il cane senza la necessità di rimuovere i testicoli. Quest'ultima tecnica non è molto comune in medicina veterinaria. Per ulteriori informazioni, potrebbe interessarvi quest'altro articolo sulle differenze tra sterilizzare e sterilizzare un cane.

Quando ci si reca alla clinica veterinaria, generalmente lo specialista spiega il procedimento e fissa un appuntamento per un'orchiectomia nei cani maschi o un'ovariectomia nelle femmine. In entrambi i casi si tratta di operazioni semplici che vengono eseguite di routine in molte cliniche veterinarie su cani di qualsiasi età.

Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio - Cos'è la orchiectomia nel cane?

In cosa consiste l'orchiectomia del cane?

Quando si esegue un'orchiectomia, il veterinario può scegliere tra diverse tecniche chirurgiche, sempre con anestesia totale. La scelta dipenderà, fondamentalmente, dalla sua esperienza e dalle caratteristiche del cane. Più comunemente, si inizia questa procedura praticando un'incisione nella linea del prepuzio, proprio davanti ai testicoli. È attraverso questo piccolo taglio che entrambi i testicoli vengono estratti con relativa facilità. Per chiudere l'incisione si usano pochi punti. A volte la pelle viene avvicinata e non vedremo alcuna sutura esterna. Un'altra tecnica è quella di accedere direttamente allo scroto, rimuovendo rapidamente i testicoli. Questa tecnica può essere eseguita soprattutto nei cani più giovani. Anche l'accesso perineale è possibile, anche se diventa più complicato rimuovere i testicoli da quella posizione.

Inoltre, si può classificare l'orchiectomia in: aperta o chiusa. Nel primo caso, il nome è dovuto al fatto che bisogna aprire la tunica vaginale. In un'orchiectomia chiusa, tuttavia, non è necessario aprire la tunica. È considerata un'opzione più sicura, ma tenete presente che nell'orchiectomia aperta il rischio di emorragie e di ematomi è minore. In generale, l'orchiectomia chiusa è raccomandata per i cani di piccola taglia e l'orchiectomia aperta è raccomandata per quelli di taglia più grande.

L'area in questione dev'essere rasata e disinfettata. Bisognerà delimitare l'area dell'operazione. Rimuovere uno alla volta i testicoli attraverso l'incisione, i vasi e i dotti deferenti vascolari vengono legati, sezionati e infine i testicoli vengono rimossi. Non resta che chiudere.

Prima di fissare la data dell'operazione, il veterinario effettuerà un controllo generale del cane (analisi del sangue) per assicurarsi che non ci siano altri problemi di salute del cane che potrebbero complicare questa operazione. Si raccomanda anche un elettrocardiogramma o una radiografia del torace. Se tutto è corretto, verrà fissato il giorno per l'operazione.

La sera prima, o circa 8-12 ore prima, il cane dovrà stare a digiuno, senza mangiare ne bere. Durante l'anestesia generale un cane con lo stomaco pieno potrebbe vomitare. È anche conveniente che prima di entrare in clinica il cane abbia la possibilità di fare i suoi bisogni e svuotare la vescica.

Se non sapete quand'è il miglior momento per sterilizzare o castrare il vostro cane, oltre a consultare il veterinario, vi consigliamo di leggere il nostro articolo 'Quando sterilizzare il cane?'.

Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio - In cosa consiste l'orchiectomia del cane?

Posoperatorio de la orquiectomía en perros

Un'orchiectomia è un'operazione semplice e abbastanza veloce che di solito ha anche un facile recupero. Appena il cane si sveglia dall'anestesia, possiamo portarlo a casa. Il veterinario ci dirà quando farlo riprendere l'alimentazione e ci prescriverà dei farmaci da somministrare all'animale per qualche giorno. Generalmente vengono prescritti antidolorifici in modo che il cane non senta dolore ed antibiotici per prevenire le infezioni. Potrebbe anche essere necessario pulire la ferita. Il veterinario ci spiegherà come.

A seconda dei casi, il veterinario può chiederci di portare il cane a fare un check-up o di tornare solo a rimuovere i punti di sutura dopo circa 7-10 giorni. All'inizio, è importante mantenere il cane calmo e impedirgli di fare qualsiasi attività o gioco brusco che possa aprire la ferita. Se il cane insiste a leccare la zona, sarà necessario mettergli un collare elisabettiano, almeno per il tempo in cui non possiamo tenerlo d'occhio.

È comune che nell'area intorno all'incisione o addirittura in tutto lo scroto si formi un ematoma, poiché, l'intervento produrrà un'emorragia. Scomparirà nel giro di pochi giorni. Si tratta di qualcosa del tutto normale e non dev'essere motivo di preoccupazione. Tuttavia, dobbiamo prestare attenzione ad altri segni che possono indicare l'insorgere di una complicazione. Per esempio, pallore delle mucose, aumento della frequenza cardiaca, dolore, perdita di appetito, così come l'apertura della ferita, il suo gonfiore o la fuoriuscita di pus. In tali casi dovrai informare il veterinario.

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Prevenzione.

Bibliografia
  • Carlson y Giffin. (2002). Manual práctico de veterinaria canina. Madrid. Editorial el Drac.
  • Hamilton et al. (2014). Comparison of postoperative complications in healthy dogs undergoing open and closed orchidectomy. J. Small Anim Pract. 55-10. pp. 521-526.

Scrivi un commento su Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio
1 di 3
Orchiectomia nel cane: Cos'è e postoperatorio

Torna su