Condividi

Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto

 
Di Giorgio Gattoni. 14 marzo 2020
Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto

I dinosauri sono un gruppo di rettili che fecero la loro comparsa sulla terra circa 230 milioni di anni fa. Questi animali si diversificarono durante il Mesozoico, generando tipi di dinosauri molto diversi fra loro. Questi animali dominarono il pianeta per lungo tempo.

Come risultato della loro diversificazione, si trattava di animali di dimensioni, aspetto ed alimentazione molto diverse, che abitavano sia i cieli che la terra. Volete conoscerli più a fondo? Non perdetevi il nostro articolo di AnimalPedia sui vari tipi di dinosauri che abitarono la terra. Caratteristiche, nomi e foto.

Caratteristiche dei dinosauri

Il super-ordine dei Dinosauria è un gruppo di animali sauropsidi che apparvero durante il periodo Cretaceo, circa 230-240 milioni di anni fa. Più tardi divennero gli animali terrestri dominanti del Mesozoico. Queste sono alcune delle caratteristiche dei dinosauri:

  • Tassonomia: i dinosauri sono dei vertebrati sauropsidi, come tutti rettili e gli uccelli. Tra loro vi sono i diapsidi, cioè che hanno due fosse temporali nel cranio, a differenza delle tartarughe (anapsidi) che invece non ne hanno.
  • Anatomia: la struttura pelvica di questi rettili gli permette di camminare eretti, con tutto il corpo che viene sostenuto dalle potenti zampe situate sotto di esso. Inoltre la presenza di una coda molto pesante e lunga ne facilitava l'equilibrio, ed in alcuni casi permetteva il bipedismo. Inoltre sono, come gli odierni coccodrilli e gli pterosauri.
  • Dimensioni: le dimensioni dei dinosauri variava dai 15 centimetri, nel caso di molti teropodi, fino ai 50 metri di lunghezza dei grandi erbivori.
  • Metabolismo: molti dei dinosauri probabilmente avevano un metabolismo elevato ed erano endotermi, cioè a sangue caldo, come gli uccelli. Altri, invece, erano più simili ai rettili attuali ed erano perciò ectodermi, ossia a sangue freddo.
  • Riproduzione: erano animali ovipari e costruivano tane in cui incubavano le uova.
  • Comportamento sociale: alcune scoperte suggeriscono che molti dinosauri vivevano in branco e si occupavano dei piccoli di tutti. Altri al contrario erano animali solitari.

Alimentazione dei dinosauri

Si pensa che tutti i dinosauri in origine fossero rettili bipedi carnivori. I dinosauri più primitivi, con molte probabilità, mangiavano carne. Tuttavia, con la grande diversificazione di cui furono protagonisti, si diffusero dinosauri con ogni tipo di alimentazione: erbivori, insettivori, piscivori, frugivori, folivori.

Come vedremo sia nel gruppo degli ornitischi sia in quello dei saurischi vi erano molti tipi di dinosauri erbivori. La maggior parte dei carnivori appartenevano al gruppo dei saurischi.

Tipi di dinosauri

Nel 1887 Harry Seeley determinò che i dinosauri potevano classificarsi in due gruppi principali che si continuano ad impiegare anche oggigiorno, anche se vi sono alcuni dubbi se sia il metodo più corretto. Secondo questo paleontologo, questi furono i due macro-gruppi di dinosauri:

  • Ornitischi (Ornithischia):sono conosciuti come dinosauri con il bacino da uccello perché la loro struttura pelvica ha forma rettangolare. Questa caratteristica è dovuta al fatto che il loro pube era orientato verso la parte posteriore del corpo. Tutti gli ornitischi si estinsero durante lo stesso periodo.
  • Saurischi (Saurischia): sono i dinosauri con il bacino da lucertole. Il loro pube, al contrario che nel caso precedente, si orientava in avanti, per cui la zona pelvica aveva forma triangolare. Alcuni saurischi sopravvissero alla terza estinzione.

Tipi di dinosauri: Ornitischia

I dinosauri ornitischi erano tutti erbivori e possono essere suddivisi in due sottogruppi: tireofori (letteralmente portatori di scudi, referendosi alla corazza) e neornitischi.

Tireofori

Tra tutti i gruppi di dinosauri, quelli del sotto-ordine dei tireofori sono, probabilmente, i più sconosciuti. Questo gruppo include i dinosauri erbivori sia bipedi (i più primitivi) che quelli quadrupedi. Di diverse dimensioni, la loro caratteristica distintiva era quella di possedere una corazza ossea sul dorso con diversi tipi di difese come aculei e placche ossee.

Esempi di Tireofori

  • Chialingosaurus: erano dinosauri di 4 metri di lunghezza, la cui superficie era disseminata di aculei e placche ossee.
  • Ankylosaurus: questo dinosauro corazzato misurava circa 6 metri ed aveva una coda con un maglio.
  • Scelidosaurus: erano dinosauri dalla testa piccola, una coda molto lunga ed un dorso ricoperto da scudi ossei.
Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto - Tireofori

Neornitischi

Il sotto-ordine dei neornitischi era un gruppo di dinosauri caratterizzati dal possedere denti affilati con uno spesso strato di smalto asimmetrico, che suggerisce che basassero la loro alimentazione di piante dure.

Tuttavia si tratta di un gruppo eterogeneo che include molti tipi di dinosauri. Andiamo a vederne alcuni generi rappresentativi.

Esempi di neornitischi

  • Iguanodonte: è il rappresentante più conosciuto del sottordine Onrithopoda. Si trattava di dinosauri molto robusti, con zampe forti e una poderosa mandibola trituratrice. Questi animali arrivavano a misurare 10 metri di lunghezza, anche se altri ornitopodi erano più piccoli e non superavano il metro e mezzo.
  • Pachycephalosaurus: come il resto degli integranti dell'ordine Pachycephalosauria, questi dinosauri presentavano un guscio o cupola cranica spesso. Si pensa che potessero utilizzarlo per caricare altri esemplari della stessa specie o prede (un po' come fanno gli ippopotami o i buoi muschiati).
  • Triceratops: questo infra-ordine dei Ceratopsia possedeva delle piattaforme craniali posteriori, come delle specie di criniere ossee, e inoltre avevano tre corni sul muso. Erano dinosauri quadrupedi, a differenza degli altri ceratopsidi, che erano più piccoli e bipedi.
Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto - Neornitischi

Tipi di dinosauri: Saurischia

I saurischi comprendono tutti i dinosauri carnivori ed alcuni erbivori. Tra loro troviamo i seguenti gruppi: teropodi e sauropodi.

Teropodi

I teropodi (sub-ordine Theropoda) sono dinosauri bipedi. I più ancestrali fra loro erano carnivori e predatori, come il famigerato Velociraptor. Più tardi si diversificarono dando origine a animali erbivori ed onnivori.

Questi animali si caratterizzavano per avere tre dita funzionali in ciascuna estremità ed ossa cave. Grazie a questa peculiarità erano molto veloci ed agili, alcuni, infatti, impararono a volare.

I dinosauri teropodi diedero vita a diversi tipi di dinosauri volanti. Alcuni di loro sopravvissero alla grande estinzione che avvenne tra il Cretaceo ed il Terziario. Si tratta degli antenati degli uccelli odierni. Oggi si ritiene quindi che i teropodi non si sono del tutto estinti ma che gli uccelli sono parte di questo gruppo di dinosauri.

Esempi di Teropodi

  • Tyrannosaurus: era un grande predatore, lungo fino a 12 metri, molto rappresentato sul grande schermo.
  • Velociraptor: questo carnivoro veloce ed agile misurava circa 1,8 metri e possedeva artigli affilati e letali.
  • Gigantoraptor: era un dinosauro piumato, incapace però di volare e misurava 8 metri circa. Potete immaginarlo come un enorme struzzo cattivo.
  • Archaeopterix: è uno degli uccelli più antichi che si conoscano. Aveva i denti e misurava circa mezzo metro.
Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto - Teropodi

Sauropodomorfi

Il sotto-ordine Sauropodomorpha è un gruppo di grandi dinosauri erbivori quadrupedi con il collo e la coda molto lunghi. Gli esemplari più ancestrali di questo ordine erano però carnivori, bipedi e più piccoli di un essere umano.

All'interno del sottordine dei sauropodomorfi si trovano animali terrestri molto grandi che raggiungevano fino a 32 metri. I più piccoli invece erano agili corridori, fatto che permetteva loro di fuggire dai predatori. I più grandi, invece, formavano branchi, grazie ai quali gli adulti potevano più agevolmente difendere i piccoli. Inoltre possedevano grandi e robuste code che potevano utilizzare come fruste.

Esempi di Sauropodomorfi

  • Saturnalia: furono tra i più antichi animali di questo gruppo, misuravano meno di un metro d'altezza.
  • Apatosaurus: questi animali dal lungo collo potevano raggiungere i due metri di lunghezza. È il genere cui appartienne Piedino, protagonista di 'Alla ricerca della valle incantata'.
  • Diplodocus: è il genere di dinosauri più grandi conosciuti, misuravano fino a 32 metri di lunghezza.
Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto - Sauropodomorfi

Altri grandi rettili del Mesozoico

Spesso si è chiamato erroneamente 'dinosauri' molti gruppi di rettili che vissero anche loro durante il mesozoico. Tuttavia, a causa delle loro differenze anatomiche e tassonomiche, non possiamo includerli tra i tipi di dinosauri. Si tratta dei seguenti gruppi di rettili preistorici:

  • Pterosauri: furono i grandi rettili volanti del Mesozoico. Appartenevano insieme ai dinosauri ed ai coccodrilli al gruppo degli arcosauri, detti anche lucertole dominatrici.
  • Plesiosauri e ittiosauri: erano due gruppi di rettili marini. Sono conosciuti come specie di dinosauri marini, ma è più giusto definirli rettili marini preistorici, visto che a parte l'essere diapsidi, non hanno altra relazione con i dinosauri.
  • Mosasauri: anche loro diapsidi, appartenevano al sotto-ordine Lepidosauria, come i rettili ed i serpenti. Anche loro erano erroneamente definiti come dinosauri marini.
  • Pelicosauri: erano un gruppo di animali sinapsidi più imparentati con i mammiferi che con i rettili.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Jiménez, E. & Civis, J. (2003): Los vertebrados fósiles en la historia de la vida. Excavación, estudio y patrimonio. Ediciones Univ. Salamanca.
  • Brusatte, S. L. (2012): Dinosaur Paleobiology. Wiley-Blackwell.
  • Benton, M. J. (2004): Vertebrate paleontology. Blackwell Publishers.
  • Bakker, R. T. (1972). Anatomical and ecological evidence of endothermy in dinosaurs. Nature 238 (5359): 81-85
  • Horner, J. R.; Makela, R. (1979). Nest of juveniles provides evidence of family-structure among dinosaurs. Nature 282 (5736): 296-298.
  • Hutchinson, J. R. et al. (2011). A Computational Analysis of Limb and Body Dimensions in Tyrannosaurus rex with Implications for Locomotion, Ontogeny, and Growth. PLoS ONE 6 (10).
  • Norell, M.A. & Makovicky, P.J. (1999). Important features of the dromaeosaurid skeleton II: information from newly collected specimens of Velociraptor mongoliensis. American Museum Novitates 3282: 1-45.
  • Xing, X. et al. (2007). A gigantic bird-like dinosaur from the Late Cretaceous of China. Nature. 447 (7146): 844–847.
  • Erickson, G. M. et al. (2009). Was Dinosaurian Physiology Inherited by Birds? Reconciling Slow Growth in Archaeopteryx. PLoS ONE4 (10): 7390.
  • Carpenter, K. (2006). Biggest of the big: a critical re-evaluation of the mega-sauropod Amphicoelias fragillimus. New Mexico Museum of Natural History and Science Bulletin 36: 131–138.
  • Sullivan, Robert M. (2006). A taxonomic review of the Pachycephalosauridae (Dinosauria:Ornithischia). New Mexico Museum of Natural History and Science Bulletin 35: 34

Scrivi un commento su Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto
1 di 5
Tipi di dinosauri – Nomi, caratteristiche e foto

Torna su