menu
Condividi

Collare antiabbaio per cani

 
Di Giovanni Rizzo. 30 aprile 2021
Collare antiabbaio per cani

Vedi schede di Cani

Il collare anti-abbaio è uno strumento molto diffuso ed utilizzato, tuttavia, prima di comprarlo è fondamentale sapere a cosa ci serve davvero, come funziona e quali effetti secondari potrebbe provocare nel cane.

In questo articolo di AnimalPedia spiegheremo pro e contro del collare anti-abbaio, ed i casi in cui questo strumento deve essere evitato. Vari studi scientifici indipendenti fra loro hanno evidenziato come non va utilizzato ad esempio nell'addestramento e nell'educazione del cane. Continuate a leggere!

Potrebbe interessarti anche: Collare a strozzo per cani

Collare elettrico per cani ( o collare da addestramento)

Questo strumento risulta molto utile quando si vuole educare o addestrare un cane sordo, infatti, grazie alla vibrazione possiamo richiamare l'attenzione del cane per dargli ordini o insegnargli i principi basici dell'obbedienza. Tuttavia, esiste anche un'altra modalità che emette scariche elettriche quando il cane abbaia o esce dal perimetro, in maniera automatica. Inoltre il tutore può anche sollecitare una scarica manualmente per correggere un problema di condotta.

Ma come funziona? Questo strumento utilizza il castigo positivo, cioè, provoca una sensazione avversa quando il cane porta avanti una determinata condotta, con l'obiettivo di dissuaderlo a ripeterla. Inoltre utilizza anche il rinforzo negativo, ciò significa che questa sensazione fastidiosa viene ripetuta fino a quando il cane continua a ripetere la condotta sbagliata. Va detto che entrambe le tecniche basate sul condizionamento classico, non si considerano adeguate ai canoni di educazione in positivo, inoltre possono dare certi problemi, di cui parleremo nel paragrafo seguente.

Collare antiabbaio per cani - Collare elettrico per cani ( o collare da addestramento)

Effetti collaterali del collare anti-abbaio

Diversi paesi hanno regolato o ristretto l'utilizzo dei collari elettrici per cani a causa del fatto che diversi studi hanno evidenziato i seguenti problemi per il benessere del cane:

  • No è possibile regolare l'intensità: il grado de umidità, il tipo di pelo ed i diversi livelli di grasso modificano l'intensità del collare. Se l'intensità e troppo alta può provocare dolore, paura, fobie, o reazioni aggressive. Viceversa se l'intensità è bassa, può portare ad assuefazione. In questo caso il cane si abituerà al fastidio ed il comportamento indesiderato continuerà.
  • Lo stress può far sì che il cane non impari: quando un cane sperimenta alti livelli di stress e ansia, è incapace di apprendere correttamente. E' inoltre probabile che questo stato si cronicizzi. Il cane rimane più vulnerabile a soffrire problemi di condotta. Tra questi ad esempio le stereotipe e la inibizione.
  • Possono produrre associazioni non corrette: l'obiettivo di questo arnese è di associare una sensazione sgradevole con la condotta negativa realizzata. Specialmente quando il timing non è adeguato il cane potrebbe associare lo stimolo elettrico con qualsiasi altra cosa, compresa la presenza del tutore. Proprio per questo motivo un proprietario con poca esperienza può provocare gravi problemi nel cane. C'è il rischio di paure, fobie e aggressività.
  • Il rischio di abuso è molto alto: l'educazione e l'addestramento sono processi che richiedono molta pazienza e tempo, e molti proprietari passano momenti di frustrazione. Proprio per questo potrebbero abusare dello strumento.
  • Causa problemi di salute: il collare anti-latrati provoca la comparsa di certe reazioni fisiologiche, come un aumento eccessivo della salivazione o la frequenza cardiaca, cosa che può portare ad uno stato di shock. Nei casi più gravi possono anche generarsi delle ustioni che degenerano in necrosi della pelle.
  • Pregiudica il vincolo affettivo tra cane e tutore: paragonati ad altri metodi, l'uso del castigo positivo e del rinforzo negativo, diminuiscono la qualità della relazione tra cane e padrone, inoltre favoriscono la possibile comparsa di problemi di condotta.
  • Non esistono studi che certifichino la sua efficacia: se comparato con altre tecniche di addestramento più miti con il cane, che prediligono il rinforzo positivo (premiare il cane di fronte ad un comportamento corretto) ed il castigo negativo (eliminare uno stimolo gradevole dopo un comportamento sbagliato), l'uso del collare elettrico non è altrettanto efficace.

Molte persone pensano che con il collare elettrico potranno risolvere facilmente un problema di condotta, senza essere coscienti che propio l'uso di tale strumento, può invece causare nuovi problemi di comportamento all'animale.

Inoltre in questo modo non si arriva a capire la causa dei latrati.

Collare antiabbaio per cani - Effetti collaterali del collare anti-abbaio

Come evitare che il cane abbai

Bisogna considerare il latrato come una delle forme di comunicazione del cane, inoltre non tutti i modi di abbaiare significano la stessa cosa. In alcuni casi possono significare allerta davanti alla presenza di sconosciuti, oppure solitudine quando rimangono soli, come maniera di esprimere ansia. Per risolvere questo problema bisogna prima capire perché il cane abbaia, qual'è il motivo scatenante.

E' consigliabile in quest casi rivolgersi ad uno specialista, come ad esempio un veterinario etologo (specializzato in comportamento animale), che vi aiuterà a capire la causa, e vi offrirà delle soluzioni con sessioni volte a modificare la condotta dell'animale. Inoltre non dovrete seguire linee guida che non siano specificamente pensate per il vostro cane, perché potrebbero essere controproducenti.

Mentre attendete la visita dallo specialista comportamentista, potete leggere il nostro articolo su 'consigli basici per evitare che il cane abbai. Potete anche cercare di migliorare la vita del cane: aumentare il tempo delle passeggiate, lavorare sugli esercizi di obbedienza basica, stimolare il cane fisicamente e mentalmente.

Altri metodi sconsigliati per evitare i latrati

Per concludere, elenchiamo alcune tecniche per evitare i latrati che sono pericolose e da evitare, come:

  • Uso del castigo fisico: alcune persone ricorrono al castigo fisico per fermare i latrati. Si tratta di castighi positivi che possono creare fobie, paure e stress, con aumento dell'aggressività e rottura del vincolo affettivo con il tutore.
  • Uso della museruola in casa: la museruola è uno strumento che non deve essere utilizzato per più di 60 minuti in cani che già sono abituati ad usarla. Oltre ad infastidire il cane, non risolve il problema quindi va evitata.
  • Operazione alle corde vocali: questo procedimento chirurgico consiste nel togliere parte del tessuto delle corde vocali al cane. Quando il cane guarisce dall'intervento il suo abbaiare sarà molto meno rumoroso, perché avrà meno tessuto a disposizione per creare le vibrazioni acustiche. Tuttavia in questo modo possiamo causare al cane problemi di comportamento ed inoltre la causa del latrato non è stata risolta. Infine queste operazioni possono dare problemi di salute.

Per concludere, dalla redazione di AnimalPedia consigliamo in questi casi di rivolgersi ad uno specialista per capire la causa scatenante dei latrati e quindi riuscire a trattarla attraverso esercizi mirati, con un percorso di lavoro insieme al cane. Sarà un processo che richiede tempo e pazienza, e anche denaro, ma sarà il più efficace a lungo termine.

Collare antiabbaio per cani - Altri metodi sconsigliati per evitare i latrati

Bibliografia

  • ELECTRONIC TRAINING DEVICES: ESVCE POSITION STATEMENT. 2019, de European Society of Veterinary Clinical Ethology Sito web: http://www.esvce.org/wp-content/uploads/2017/11/ESVCE-Position-Statement-e-collar.pdf
  • Polsky, R. H. (1994). Electronic shock collars: are they worth the risks?. Journal of the American Animal Hospital Association, 30(5), 463-468.
  • Christiansen, F. O., Bakken, M., & Braastad, B. O. (2001). Behavioural changes and aversive conditioning in hunting dogs by the second-year confrontation with domestic sheep. Applied Animal Behaviour Science, 72(2), 131-143.
  • Lindsay, S. R. (Ed.). (2013). Handbook of applied dog behavior and training, procedures and protocols (Vol. 3). John Wiley & Sons.
  • Schilder, M. B., & van der Borg, J. A. (2004). Training dogs with help of the shock collar: short and long term behavioural effects. Applied Animal Behaviour Science, 85(3-4), 319-334.
  • Schalke, E., Stichnoth, J., Ott, S., & Jones-Baade, R. (2007). Clinical signs caused by the use of electric training collars on dogs in everyday life situations. Applied Animal Behaviour Science, 105(4), 369-380.
  • Blackwell, E., & Casey, R. The use of shock collars and their impact on the welfare of dogs.
  • Polsky, R. (2000). Can aggression in dogs be elicited through the use of electronic pet containment systems?. Journal of Applied Animal Welfare Science, 3(4), 345-357.
  • Salgirli, Y., Schalke, E., Boehm, I., & Hackbarth, H. (2012). Comparison of learning effects and stress between 3 different training methods (electronic training collar, pinch collar and quitting signal) in Belgian Malinois Police Dogs. Revue De Medecine Veterinaire, 163, 530-535.
  • Blackwell, E. J., Bolster, C., Richards, G., Loftus, B. A., & Casey, R. A. (2012). The use of electronic collars for training domestic dogs: estimated prevalence, reasons and risk factors for use, and owner perceived success as compared to other training methods. BMC Veterinary Research, 8(1), 93.
  • Beerda, B., Schilder, M. B., van Hooff, J. A., de Vries, H. W., & Mol, J. A. (1998). Behavioural, saliva cortisol and heart rate responses to different types of stimuli in dogs. Applied Animal Behaviour Science, 58(3-4), 365-381.
  • Herron, M. E., Shofer, F. S., & Reisner, I. R. (2009). Survey of the use and outcome of confrontational and non-confrontational training methods in client-owned dogs showing undesired behaviors. Applied Animal Behaviour Science, 117(1-2), 47-54.
  • Arhant, C., Bubna-Littitz, H., Bartels, A., Futschik, A., & Troxler, J. (2010). Behaviour of smaller and larger dogs: Effects of training methods, inconsistency of owner behaviour and level of engagement in activities with the dog. Applied Animal Behaviour Science, 123(3-4), 131-142.
  • Deldalle, S., & Gaunet, F. (2014). Effects of 2 training methods on stress-related behaviors of the dog (Canis familiaris) and on the dog–owner relationship. Journal of Veterinary Behavior: Clinical Applications and Research, 9(2), 58-65.
  • Haverbeke, A., Laporte, B., Depiereux, E., Giffroy, J. M., & Diederich, C. (2008). Training methods of military dog handlers and their effects on the team's performances. Applied Animal Behaviour Science, 113(1-3), 110-122.
  • Hiby, E. F., Rooney, N. J., & Bradshaw, J. W. S. (2004). Dog training methods: their use, effectiveness and interaction with behaviour and welfare. ANIMAL WELFARE-POTTERS BAR THEN WHEATHAMPSTEAD-, 13(1), 63-70.
  • Cooper, J. J., Cracknell, N., Hardiman, J., Wright, H., & Mills, D. (2014). The welfare consequences and efficacy of training pet dogs with remote electronic training collars in comparison to reward based training. PloS one, 9(9), e102722.
  • Starinsky, N. S., Lord, L. K., & Herron, M. E. (2017). Escape rates and biting histories of dogs confined to their owner's property through the use of various containment methods. Journal of the American Veterinary Medical Association, 250(3), 297-302.

Se desideri leggere altri articoli simili a Collare antiabbaio per cani, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Collare antiabbaio per cani
1 di 4
Collare antiabbaio per cani

Torna su