menu
Condividi

Pannicolite nel cane: Trattamento e rimedi naturali

 
Di Giorgio Gattoni. 3 gennaio 2022
Pannicolite nel cane: Trattamento e rimedi naturali

Vedi schede di Cani

La pannicolite consiste in un processo infiammatorio che colpisce il pannicolo adiposo. Può originarsi per diverse cause, sia infettive che non infettive, anche se on molti casi non si conosce l'eziologia della malattia. Il principale sintomo clinico associato alla pannicolite nei cani è la presenza di noduli sottocutanei, di consistenza variabile, che possono degenerare in ulcere e poi in fistole. Il trattamento può essere sia chirurgico che farmacologico, a seconda del tipo specifico di pannicolite e del numero di noduli che presenta il cane.

Continuate a leggere il nostro articolo di AnimalPedia in cui spieghiamo cos'è la pannicolite nei cani, quali sono le cause, i sintomi e il trattamento.

Potrebbe interessarti anche: Piodermite nel cane: Sintomi e trattamento

Cos'è la pannicolite nei cani?

La pannicolite consiste in un processo infiammatorio localizzato a livello del pannicolo adiposo, cioè, del tessuto adiposo sottocutaneo. In molti casi, questa infiammazione del pannicolo si produce per contatto con una infiammazione a livello del derma (dermatite), in questo caso si parla di cellulite.

Se volete sapere di più circa la dermatite nei cani, leggete il nostro articolo di AnimalPedia.

Tipi di pannicolite nei cani

La pannicolite si può classificare a seconda del tipo di infiammazione che la genera, della distribuzione delle lesioni nel pannicolo adiposo e dalla sua causa scatenante.

Tipi di pannicolite a seconda del tipo di infiammazione:

  • Pannicolite piogranulomatosa: predominano i neutrofili ed i macrofagi. E' la più frequente.
  • Pannicolite neutrofilica: predominano i neutrofili.
  • Pannicolite eosinofilica: predominano gli eosinofili.
  • Pannicolite linfocitica: predominano i linfociti.

Tipi di pannicolite a seconda della distribuzione dell'infiammazione nel pannicolo:

  • Pannicolite lobulare: l'infiammazione si localizza nei lobuli del tessuto adiposo.
  • Pannicolite settale: l'infiammazione si localizza nel tessuto connettivo inter-lobulare.
  • Pannicolite diffusa: l'infiammazione colpisce entrambi i compartimenti (sia i lobuli che i setti). E' il tipo più frequente nei cani.

Tipi di pannicolite a seconda della causa scatenante:

  • Pannicolite infettiva: prodotta principalmente da batteri e funghi. In questo articolo troverete informazioni sulla micosi nei cani.
  • Pannicolite non infettiva: originata da traumi, incidenti, bruciature, deficienze di vitamina E, pancreatiti, malattie autoimmuni, reazione a corpi estranei, a vaccini o a prodotti iniettabili.
  • Pannicolite sterile: sono idiopatiche, cioè di origine sconosciuta.
Pannicolite nel cane: Trattamento e rimedi naturali - Tipi di pannicolite nei cani

Cause della pannicolite nei cani

Le principali cause della pannicolite sono le seguenti:

  • Agenti infettivi: fondamentalmente batteri (Staphylococcus pseudointermedius), micobacterias, Pseudomonas, Proteus) e funghi (Microsporum y Trichophyton)
  • Traumi e bruciature ampie: producono un flusso sanguigno insufficiente nel tessuto sottocutaneo, cosa che può originare una ischemia focale.
  • Malattie autoimmuni: in questi casi, la pannicolite compare associata a malattie vascolari autoimmuni, come il lupus eritematoso sistemico.
  • Pancreatiti: avviene come risultato della necrosi da liquefazione del tessuto sottocutaneo. In questo articolo parliamo della pancreatite nei cani.
  • Problemi nutrizionali: da deficienza di vitamina E, anche se questa causa è più frequente nei gatti che hanno diete ricche di olio di pesce. Qui trovate maggiori informazioni sulla vitamina E nei cani.
  • Reazione a corpi estranei, vaccini o prodotti iniettabili: anche se possono essere causa di pannicolite nei cani, sono più frequenti nei gatti.
  • Idiopatiche: significa che la causa è sconosciuta, come la pannicolite nodulare sterile o la pannicolite podale sterile nel Pastore tedesco.

Sintomi della pannicolite nei cani

I sintomi classici e inconfondibili della pannicolite nei cani sono i seguenti:

  • Presenza di uno o vari noduli sottocutanei: possono essere profondi fluttuanti e dolorosi oppure indolore. I noduli possono essere stabili e ben circoscritti oppure essere morbidi ed essere poco definiti. Spesso questi noduli si aprono provocando delle ulcere, da cui viene secreto del liquido grasso e sanguinolento. Di solito i noduli si trovano nel tronco dell'animale, anche se possono fare la loro comparsa anche in zone come l'addome, il petto o la testa.
  • Sintomi generici: alcuni sintomi generici che compaiono in questi casi sono l'anoressia, la letargia o la depressione, specialmente in animali con lesioni multiple. Se volete conoscere più nel dettaglio le cause dell'anoressia nei cani vi consigliamo questo articolo di AnimalPedia.

Diagnosi della pannicolite nei cani

Per abbordare la diagnosi della pannicolite nei cani bisogna tenere in considerazione altre diagnosi differenziali che possono dare origine a sintomi simili. Tra le altre cose, si deve considerare la neoplasia sottocutanea, gli ascessi, le cisti e i granulomi.

La diagnosi della pannicolite si deve basare sui seguenti punti:

  • Esplorazione generale: durante l'esplorazione si possono palpare i noduli sottocutanei profondi, con frequenza vi saranno ulcere o fistole. Anche se va palpata tutta la superficie del corpo dell'animale, bisogna fare particolare attenzione alla zona del tronco, visto che i noduli si formano di solito in questa parte del corpo.
  • Analisi del sangue (emogramma e profilo biochimico): in caso di infezione sarà di routine trovare dei leucociti (a causa d un incremento di globuli bianchi) mentre nel caso di pancreatiti si noterà un incremento di lipasi pancreatica.
  • Esame citologico (PAF) : visto che la pannicolite piogranulomatosa è più frequente nei cani, negli esami citologici si notano vacuoli lipidici insieme a macrofagi che contengono gocce di grasso al loro interno. Inoltre nel caso si tratti di pannicolite settica, si potranno osservare funghi o batteri. Nonostante ciò, vi sono studi che suggeriscono che l'esame citologico può portare ad un errore diagnostico, qualificando questi noduli come neoplasie, specialmente quando tali noduli sono duri. Per questo è importante realizzare una biopsia per avere una diagnosi più precisa e sicura.
  • Biopsia: permette di raggiungere il tessuto e trovare una diagnosi definitiva.
  • Coltura in vitro: nel caso della pannicolite infettiva, sarà importante realizzare una coltura in vitro per identificare l'agente scatenante. Successivamente si deve fare un antibiogramma allo scopo di determinare quali antibiotici sono più efficaci di fronte all'agente scatenante della paotlogia.

In questo articolo di AnimalPedia troverete informazioni e dettagli sulle cisti ovariche nel cane.

Trattamento della pannicolite nei cani

Il trattamento dipenderà dal tipo di pannicolite e dal numero di noduli che presenta l'animale:

  • Chirurgia: l'estirpazione chirurgica de noduli è un trattamento che si sceglie quando i noduli sono solitari, e può dare buoni risultati.
  • Trattamento inmunospressore: quando l'animale presenta diversi noduli, si è soliti intraprendere un trattamento a base di glucocorticoidi in dosi immunosoppressive, usando la dexametasona o la prednisona. I glucocorticoidi si possono somministrare per via orale, topica o intralesionale. Alcuni cani possono rispondere bene anche a farmaci come gli immunosoppressori o le ciclosporine.
  • Trattamento antibiotico: nel caso di pannicolite infettiva bisogna ricorrere ad un trattamento con antibiotici o antimicotici. Allo scopo di evitare resistenze agli antibiotici, si deve instaurare una terapia antibiotica efficace contro il microorganismo responsabile della pannicolite. Per questo è imprescindibile includere una coltura e un antibiogramma come parte del protocollo diagnostico.

La maggior parte degli animali raggiungono una guarigione prolungata o permanente del processo infiammatorio. Tuttavia in alcuni casi le lesioni possono fare la loro ricomparsa, e sarà quindi necessaria una terapia a lungo termine con glucocorticoidi.

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pannicolite nel cane: Trattamento e rimedi naturali, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Problemi della pelle.

Bibliografia
  • Contreary, C.L., Outerbridge, C.A., Affolter, V.K. (2015). Canine sterile nodular panniculitis: a retrospective study of 39 dogs. Veterinary Dermatolology; 26:451
  • Harvey, R.G., Mckeever, P.J. (2001). Manual ilustrado de enfermedades de la piel en perro y gato. Grass Edicions.
  • Machicote, G. (2014). Atlas de dermatología canina y felina. Servet.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Pannicolite nel cane: Trattamento e rimedi naturali
1 di 2
Pannicolite nel cane: Trattamento e rimedi naturali

Torna su