Condividi

Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi

 
Di Tamara Rigotti, Editrice di AnimalPedia. 11 giugno 2020
Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi

I Condritti, Condroitti, chiamati anche pesci cartilaginei, sono un gruppo molto antico di vertebrati acquatici, e sebbene non siano così numerosi come i pesci ossei, i loro adattamenti morfologici, i muscoli natatori, gli organi sensoriali, le potenti mascelle e le abitudini predatorie hanno conferito loro una solida posizione negli ambienti in cui vivono.

Al di là del fatto che derivano da antenati con uno scheletro osseo, si tratta di organismi che hanno la peculiarità di possedere uno scheletro interno cartilagineo e questa è la loro principale caratteristica distintiva. Se volete conoscere le altre caratteristiche dei pesci cartilaginei, i loro nomi e gli esempi, non perdetevi questo articolo di AnimalPedia.

Potrebbe interessarti anche: Pesci carnivori: Tipi, nomi ed esempi

Caratteristiche dei pesci cartilaginei

Esistono due sottoclassi di pesci cartilaginei. Vediamo, dunque le le loro caratteristiche principali:

Elasmobranchi (Elasmobranchii) o Selaci (squali e razze)

Questo gruppo comprende squali (Cladoselaci, Pleuracanthodii, Squaliformi) e il superordine Batoidea che comprende razze, torpedini e pesci sega. Alcuni di loro sono carnivori che localizzano le loro prede attraverso gli organi olfattivi, poiché hanno una vista poco sviluppata. Attualmente, ci sono 8 ordini di squali con più di 400 specie e 4 ordini di razze con quasi 500 specie. Nel caso degli squali, la maggior parte di essi ha le seguenti caratteristiche:

  • Corpo: un corpo fusiforme, allungato con un muso appuntito e una bocca ventrale. La spina dorsale si estende lungo un lobo della coda e all'estremità dunque vi è una coda asimmetrica. Nella pinna caudale eterocerca, dunque, la parte dorsale è di solito molto più grande di quella ventrale. Nella parte anteriore vi sono un paio di pinne pettorali, un paio di pinne pelviche e due pinne dorsali. Le parti terminali della pinna pelvica nel maschio si sono modificate in organi sessuali, noti come emipeni. Questi organi garantiscono la fecondazione interna: servono per introdurre lo sperma nel corpo della femmina attraverso la cosiddetta cloaca.
  • Visita, pelle e organi recettoriali: possiedono narici, ventrali e anteriori alla bocca. Gli occhi sono privi di palpebre, gli occhi presentano una membrana chiamata tapetum lucidum, che si trova dietro la retina e vi riflette una seconda volta la luce, in modo da migliorare la percezione luminosa e la visibilità. Alcune specie, invece, hanno membrane nittitanti. La pelle è dura e simile alla carta vetrata in alcune specie, ha scaglie placoidi, note come dentelli dermici, i dentelli rendono la pelle di molti squali ruvida come carta abrasiva. Normalmente i dentelli sono orientati verso la parte posteriore dell'animale. Lungo il corpo e la testa possiedono neuromasti, organi recettoriali estremamente sensibili alle vibrazioni e alle correnti d'acqua. Attraverso le ampolle di Lorenzini, organi che si trovano nella testa degli squali e delle razze, riescono ad individuare i campi elettromagnetici prodotti da eventuali prede.
  • Denti: l'arco dentario di questi animali è costituito da tre o quattro file di denti che avanzano e si dispongono all'utilizzo. Questi, a seconda della specie, possono essere aguzzi e fitti, per tagliare il cibo o tozzi e larghi e nel caso delle razze, ci sono denti piatti che permettono di raschiare sulle superfici.
  • Scheletro e nuoto: hanno uno scheletro di cartilagine gommosa, e non osseo come nel resto dei pesci. Inoltre, sono dotati di vescica natatoria per favorire la nuotata, ma si affidano al loro fegato che funge da serbatoio contenente un olio chiamato squalene.

Holocephali (chimere)

Questo piccolo gruppo è composto attualmente da circa 47 specie:

  • Corpo: hanno una forma molto curiosa, il loro corpo è allungato e la testa è sporgente e hanno una struttura simile a un gancio, che permette loro di tenere la femmina durante la copulazione. Sono pesci cartilaginei provvisti di pelle nuda. Hanno quattro fessure branchiali nascoste da una piega della pelle. La bocca è in posizione subterminale. La coda termina, di solito, con un lungo filamento.
  • Mascella e denti: non hanno denti, ma piastre larghe e piatte. La mascella superiore è completamente fusa al cranio, a differenza delle altre, ed è da qui che deriva il loro nome (holo=totale, tutto e cefalus=testa).
  • Dimensioni: possono arrivare fino a 2 metri di lunghezza.
  • Difesa: la pinna dorsale ha una pungiglione velenifero.
  • Cibo: la loro dieta è a base di crostacei, molluschi, echinodermi, piccoli pesci e alghe.
Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi - Caratteristiche dei pesci cartilaginei

Come nuotano i pesci cartilaginei?

Come accennato, solitamente i pesci mantengono l'assetto nell'acqua con la vescica natatoria; tuttavia gli Elasmobranchi ne sono sprovvisti e mantengono l'assetto mediante i grandi fegati, inoltre questi animali hanno scaglie dermiche che permettono di ridurre le turbolenze delle correnti durante il nuoto. Grazie al lavoro dei loro fegati carichi di lipidi, la loro capacità di inghiottire l'aria e alle loro pinne, sono ottimi nuotatori e questi adattamenti permettono loro di rimanere nella colonna d'acqua. La pinna caudale, essendo eterocerca, permette di controllare la spinta.

Nel caso delle razze, tutte si sono adattate alla vita sul fondale marino, e i loro corpi hanno una forma appiattita con le pinne pari allargate e fuse alla testa, che funzionano come ali quando nuotano. I loro denti sono appiattiti e in grado di raschiare le superfici e macinare il cibo, che generalmente si tratta di crostacei, molluschi e piccoli pesci.

Le loro code hanno la forma di una frusta e terminano in una o più spine che in alcune specie sono collegate a ghiandole velenifere. Hanno anche organi elettrici su ogni lato della testa che producono scariche che possono stordire le loro prede o i loro predatori.

Oltre a sapere come nuotano, vi invitiamo ad imparare come dormono gli squali.

Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi - Come nuotano i pesci cartilaginei?

Riproduzione dei pesci cartilaginei

La riproduzione è sessuata con fecondazione interna, che avviene grazie alla presenza nei maschi di pterigopodi, due appendici con funzione copulatoria che si estendono dalla regione centrale delle pinne pelviche. Gli olocefali possono avere anche un'appendice frontale sul capo munita di dentelli per afferrare la femmina durante l'accoppiamento. Le specie possono essere ovipare, ovovivipare o addirittura vivipare e non producono una cospicua prole, fatto per il quale sono considerate ad elevato rischio di estinzione.

  • Ovipari: Gli animali ovipari sono quelli che depongono le uova e che si schiudono una volta espulse dal corpo della madre. La fecondazione può essere esterna o interna, ma la schiusa avviene sempre all'esterno del corpo. In molti squali e razze le uova fecondate sono incapsulate in una "sacca di uova" e vengono poi depositate nell'ambiente esterno. Generalmente questa modalità si presenta in specie piccole e bentoniche, e possono deporre fino a 100 uova.
  • Vivipari: grazie al sacco amniotico ricoperto di placenta, i feti possono maturare e svilupparsi all'interno della madre per molto tempo, e infine essere espulsi dal corpo per imparare a sopravvivere autonomamente. Si verifica in quasi il 60% dei Condritti.
  • Ovovivipari: conserva l'embrione nell'ovidotto mentre si sviluppa e si nutre del suo sacco vitellino fino alla nascita. A sua volta, presenta diversi tipi di alimentazione per l'embrione, come la lecitotrofia, dove l'embrione è nutrito dal sacco vitellino; l'istotrofia, dove l'embrione o gli embrioni sono nutriti da un fluido (istotrofo) prodotto dai villi della superficie interna dell'utero. Dall'altro lato, c'è l'ovofagia, dove l'embrione si nutre di ovuli fecondati mentre sono all'interno dell'utero; e, infine, c'è l'adelfagia o cannibalismo intrauterino, dove l'embrione più forte che si schiuderà per primo mangia i suoi fratelli nati o non nati.

I genitori non si prendono cura dei cuccioli, quindi una volta che gli embrioni sono nati, se la cavano da soli.

Nomi ed esempi di pesci cartilaginei

Come anticipato i Condritti (khondro=cartilagine e ikhthys=pesce) sono una classe di vertebrati che comprende le sottoclassi Elasmobranchi (squali, razze) e Holocephali (chimere), e tra entrambi i gruppi si stima che vi siano più di 900 specie, la maggior parte delle quali marine e alcune di acqua dolce o in acque con diverse concentrazioni di sale.

Esempi di squali

Gli squali sono divisi in un gran numero di specie, quindi qui di seguito daremo i nomi dei loro attuali 8 ordini ed esempi di ciascuno di essi:

  • Heterodontiformi: si tratta degli squali cornuti, come l' Heterodontus francisci. Sono di piccole dimensioni e abitano le acque temperate e calde dell'Oceano Indiano e del Pacifico occidentale, sono assenti nell'Atlantico.
  • Squaliformi: le specie che compongono questo gruppo mancano di membrana nittitante e pinna anale. Abitano nelle acque profonde dell'Oceano Atlantico. Sono di medie dimensioni e alcune specie hanno spine con veleno nelle pinne dorsali come lo Squalus acanthias.
  • Pristiophoridae: questo gruppo comprende i cosiddetti squali sega. Hanno un muso allungato e seghettato che usano per rovistare nel fango e cercare il loro cibo: calamari, gamberetti e piccoli pesci. Un esempio è il Pristiophorus japonicus, tipico del Giappone.
  • Squatina: comprende gli squali angelo (o squadri), hanno forma appiattita e pinne pettorali larghe, che ricordano le razze, come la Squatina squatina, detta anche pesce angelo. Sono diffusi ampiamente , in quanto si trovano nell'Oceano Atlantico, nel Mar Mediterraneo, nel Mar Morto e nel Mare del Nord. Alcune specie possono effettuare migrazioni.
  • Hexanchiformes: comprende gli squali più primitivi che esistono oggi. Un esempio è l'Hexanchus nakamurai, notidano dagli occhi grandi , che viene distribuito nell'Oceano Atlantico e nell'Oceano Indiano. Anche se sembra pericoloso, si nutre di invertebrati ed è innocuo per l'uomo.
  • Rhincodontidae: sono squali d'acqua calda con muso corto e bocca piccola. Abitano mari e oceani in tutto il mondo. Questo include il più grande squalo esistente, lo squalo balena, Rhincodon typus. Abita acque calde tropicali e subtropicali e ha una dieta filtrante che, oltre al suo aspetto, lo rende simile alle balene.
  • Carcharhinidae: questo ordine è il più vario, si trovano nelle acque tropicali, temperate e profonde di tutto il mondo. Ha un muso allungato e una bocca grande, ha una membrana nittitante che protegge gli occhi. Tra questi, uno degli squali più conosciuti, come lo squalo tigre Galeocerdo cuvier, che prende il nome dalle linee che ha ai lati e sul dorso.
  • Lamniformi: sono gli squali più conosciuti, come lo squalo bianco (grande squalo bianco, carcarodonte) Carcharodon carcharias, famoso per essere una specie che attacca frequentemente l'uomo. Vive nelle acque calde e temperate di quasi tutti gli oceani.

Per saperne di più su questi fantastici animali, vi invitiamo a leggere il nostro articolo 'Tipi di squali, specie e caratteristiche'.

Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi - Nomi ed esempi di pesci cartilaginei

Esempi di razze

Le strisce si classificano in 4 ordini:

  • Raiformi: queste sono le cosiddette vere razze. Si trovano in tutti gli oceani, dall'Artico all'Antartico. Qui troviamo ad esempio la razza dal pungiglione di fiume (Potamotrygon motoro), abitante delle acque tropicali del Sud America. Temuta per la puntura alla fine della pinna caudale, sono state segnalate per aver attaccato gli esseri umani.
  • Pristidi: Sono chiamati pesci sega, perché hanno un muso lungo e dentato, come la Pristis pectinata, che ha anche il corpo appiattito e le pinne pettorali alate. Abitano in acque tropicali e subtropicali intorno all'Africa, all'Australia e ai Caraibi e cacciano di notte. Non devono essere confusi con i Rhina ancylostoma, perché appartengono ad un altro gruppo.
  • Torpediniformi: comunemente chiamate torpedini o razze elettriche, in quanto possono produrre una scossa elettrica per stordire le loro prede o predatori per mezzo di organi elettrici situati alla base delle loro pinne pettorali. Abitano tutti i mari temperati e tropicali del mondo, come i Raggi di siluro che vivono nelle acque dell'Oceano Atlantico e del Mar Mediterraneo.
  • Myliobatiformes: questo gruppo è strettamente legato ai raiformi, in quanto sono molto simili a loro. Sono le razze più grandi del mondo, ed è inclusa la manta Mobula birostris, che è priva di pungiglione nella pinna caudale. Vivono in mari temperati in tutto il mondo.

Potresti essere interessato anche a questo altro articolo di AnimalPedia 'Animali degli abissi'.

Esempi di Holocephali

Gli Holocephali vengono classificati in un solo ordine, i Chimaeriformes, un gruppo che comprende le chimere o i pesci fantasma. Qui ci sono solo tre famiglie:

  • Famiglia Callorhinchidae.
  • Famiglia Chimaeridae.
  • Famiglia Rhinochimaeridae.

Tra di loro hanno poche differenze, alcune specie hanno un muso molto lungo con terminazioni nervose che permettono di individuare piccole prede.Nei mari italiani è presente il genere Chimaera con la specie Chimaera monstrosa.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Hickman, C. P., Ober, W. C. & Garrison, C. W. (2006). Principios integrales de zoología, 13ª edizione. McGraw-Hill-Interamericana, Madrid. 1022 pp.
  • Matos, J, M. Perez & Z. Benítez. (2015). Condrictios: Tiburones, rayas y quimeras. Info Zoa Boletín de Zoología, 9, 1-16.
  • Kardong, K. V. (2007). Vertebrados: Anatomia comparada, funcion y evolucion. 4. ed. Madrid (España). McGraw Hill. 782 p.

Scrivi un commento su Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi
1 di 6
Pesci cartilaginei - Caratteristiche, nomi ed esempi

Torna su