Condividi

Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 4 dicembre 2020
Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari

Il modo in cui ogni essere vivente si riproduce è un fattore che favorisce la perpetuazione della sua specie. Grazie a questa dinamica naturale e ai diversi processi genetici, ogni essere vivente ne origina un altro o altri con caratteristiche simili. Gli esseri umani, si riproducono dando a luce neonati che, diventeranno bambini, e finalmente adulti. Nel caso degli animali, questi avranno cuccioli che cresceranno per diventare esemplari adulti. Gli animali iniziano la loro formazione all'interno dell'utero materno o all'interno di un uovo deposto dalla madre. A seconda della fecondazione interna e del modo in cui nascono, gli animali possono suddividersi in: ovipari, vivipari o ovovivipari.

In questo articolo di AnimalPedia ve ne spiegheremo di più sulla riproduzione animale e la classificazione in base al tipo di riproduzione.

Potrebbe interessarti anche: Animali ovovivipari

Riproduzione animale

Nel mondo animale, la riproduzione può essere:

  • Riproduzione asessuata: la riproduzione asessuata è una strategia riproduttiva portata a termine da alcuni animali e vegetali, nella quale non è necessaria la presenza di due individui adulti di sesso opposto. Identifichiamo questo tipo di strategia quando un individuo produce discendenti geneticamente identici ad esso. In alcuni casi, infatti, si potrà parlare di riproduzione clonale (propagazione clonale), poiché gli individui nati saranno dei cloni del progenitore. Questo gruppo comprende specie ermafrodite.
  • Riproduzione sessuale: l'altra forma di riproduzione è quella sessuale, nella quale sono due gli individui implicati, il maschio e la femmina. Nella riproduzione sessuale, la fecondazione può avvenire esternamente o internamente. Quando un ovulo ed uno spermatozoo si incontrano danno luogo ad uno zigote. Questa unione viene chiamata fertilizzazione. Dopo il processo di fertilizzazione lo zigote ha il 50% di DNA materno ed il 50% di quello paterno.

Un caso particolare è quello degli animali ermafroditi, che possono avere strategie riproduttive diverse.

Fecondazione interna degli animali in base al tipo di riproduzione

La classificazione degli animali in base al tipo di riproduzione viene stabilita a seconda del luogo in cui avviene lo sviluppo dell'embrione, ovvero se avviene all'interno o all'esterno del corpo della femmina. Possiamo suddividere, dunque, gli animali in tre gruppi:

  • Animali ovipari.
  • Animali ovovivipari.
  • Animali vivipari.

Tuttavia, all'interno di ogni gruppo si possono trovare delle eccezioni, come nel caso dei mammiferi, che sono per lo più vivipari.

Animali ovipari

L'oviparità è un tipo di riproduzione, in cui le femmine depongono uova fecondate la cui crescita embrionale termina al di fuori dell'organismo materno. Si distingue quindi dall'ovoviviparità e dalla viviparità, nelle quali lo sviluppo, chiamato incubazione, avviene nel corpo materno. Così, le caratteristiche dell'uovo sono fondamentali perché si sviluppi al di fuori della madre, per cui alcuni animali ovipari producono uova secche che sono in grado di resistere al contatto con l'aria, in quanto hanno una copertura protettiva (guscio), come nel caso degli uccelli e dei rettili. L'uovo più grande che si può trovare è quello di struzzo (Struthio camelus). Altri gruppi di ovipari, come la maggior parte dei pesci, alcuni rettili, anfibi e insetti producono uova più piccole, non sono calcificate e, in molti casi, il processo avviene nell'ambiente acquatico.

Fanno parte degli ovipari anche alcuni mammiferi: l'ornitorinco (Ornithorhynchus anatinus) e l' echidna della specie Tachyglossus aculeatus.

Alcuni animali ovipari abbandonano le loro uova una volta deposte, mentre altri si prendono cura di loro e forniscono protezione, raccogliendo cibo per nutrire i piccoli una volta nati.

Esempi di animali ovipari

  • Uccelli: struzzi, galline, anatre, oche, pinguini, pappagalli, colibrì, cicogne.
  • Pesci: acciughe, piranha, anguille, salmone, tonno.
  • Rettili: serpenti, lucertole come il drago di Komodo, tartarughe, coccodrilli.
  • Insetti: formiche, api, coleotteri, mosche.
  • Molluschi e crostacei: lumache, polpi, granchi.
  • Mammiferi: ornitorinco e echidna.
Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari - Animali ovipari

Animali ovovivipari

L'ovoviviparità è un tipo di riproduzione di una specie animale in cui le uova sono incubate e si schiudono nell'organismo materno, senza che vi sia alcuna relazione nutritiva, come invece accade nella viviparità. Questo gruppo è composto da diversi tipi di invertebrati, alcuni pesci, come lo squalo bianco (Carcharodon carcharias) e alcuni rettili, come la specie Chamaeleo jacksonii, che è un tipo di camaleonte.

Esempi di animali ovovivipari

  • Rettili: serpenti a sonagli, alcune lucertole, vipere.
  • Anfibi: alcune specie di salamandre.
  • Pesce: squalo bianco, manta.
  • Insetti: alcune specie di mosche.
Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari - Animali ovovivipari

Animali vivipari

La viviparità è un tipo di riproduzione in cui lo sviluppo embrionale avviene all'interno dell'organismo materno, l'embrione viene nutrito dal corpo materno; nei mammiferi euteri lo scambio nutritivo avviene mediante la placenta, nei metateri si ha nell'utero, ma dopo pochi giorni il feto ancora inetto e lungo pochi centimetri esce dalle vie genitali femminili e istintivamente si porta verso le mammelle all'interno del marsupio (come ad esempio nella specie Phascolarctos cinereus, comunemente nota come koala). Sono vivipari quasi tutti i mammiferi, pipistrelli compresi.

Come nelle precedenti classificazioni degli animali in base alla loro riproduzione, esistono alcune eccezioni, per cui è possibile trovarla in alcuni rettili, in qualche anfibio, e in alcune specie di artropodi e di pesci. Ne sono un esempio lo scorpione Androctonus crassicauda o la Salamandra bernandezi, un caso di anfibio viviparo.

Esempi di animali vivipari

  • Mammiferi: tutti tranne l'ornitorinco e l'echidna.
  • Pesci: alcuni squali, come il martello.
  • Rettili: alcuni serpenti, come boa e alcune lucertole.
  • Anfibi: alcune specie di salamandre.

La classificazione degli animali in base alla loro riproduzione si tratta di un processo complesso, poiché, come abbiamo visto in questo articolo, all'interno del regno animale esistono sempre delle eccezioni.

Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari - Animali vivipari

Se desideri leggere altri articoli simili a Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Curtis, H., Barnes, N., Schnek, A., Massarini, A. (2008). Biología. Editorial Médica Panamericana: Madrid.
  • Hickman, C., Roberts, L., Parson A. (2000). Principios integrales de zoología. McGraw Hill Interamericana: España.
  • Galán, P. (2009). Ecología de la reproducción de saurios ibéricos. Disponible en: http://www.herpetologica.org/BAHE/BAHE20_003_Invitado.pdf

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari
1 di 4
Riproduzione animale: ovipari vivipari e ovovivipari

Torna su