menu
Condividi

Ciclosporina al gatto: Dosi, usi ed effetti collaterali

 
Di María Besteiros. 27 febbraio 2021
Ciclosporina al gatto: Dosi, usi ed effetti collaterali

Vedi schede di Gatti

In questo articolo di AnimalPedia parleremo della ciclosporina per i gatti, un farmaco conosciuto per il suo effetto antiinfiammatorio che viene impiegato per combattere diverse patologie. Tuttavia va precisato che si tratta di un farmaco che agisce anche sul sistema immunitario, per questo va somministrato solo sotto prescrizione veterinaria.

Di seguito, spiegheremo quali sono gli usi della ciclosporina nel gatto, come deve essere somministrata questa medicina, in quali esemplari è più efficace e soprattutto quali sono i suoi effetti secondari cui dobbiamo stare attenti.

Cos'è la ciclosporina per gatto?

La ciclosporina è uno di quei farmaci che vengono chiamati immunomodulatori, che hanno cioè la capacità di agire sull'attività del sistema immunitario, aumentando o diminuendo le sue reazioni. Ha un effetto immunosoppressore selettivo, visto che influisce, in particolare, sui linfociti T, cellule che si formano dal midollo osseo e che fanno parte del sistema immunitario.

La ciclosporina nei gatti ha un effetto antiinfiammatorio e anti-prurito. Influisce sulla produzione di diverse sostanze che si associano alle infiammazioni, per cui ne consegue un effetto calmante. Questa azione è relativamente rapida, visto che, anche se somministrata per via orale a digiuno, in una o due ore raggiunge la sua concentrazione massima nel sangue. Viene metabolizzata nel fegato.

A cosa serve la ciclosporina?

La ciclosporina viene impiegata con frequenza nel trattamento di una malattia conosciuta col nome di dermatite allergica cronica. Questa patologia si contraddistingue per il prurito, l'irritazione soprattutto della testa e del collo, perdita di pelo simmetrica ed altri sintomi che possono essere compatibili con altre malattie della pelle, ad esempio i parassiti, le infezioni, le allergie alimentari, tra le altre. Per questo è imprescindibile che sia il veterinario a diagnosticare il problema e che determini la necessità di somministrare la ciclosporina. Mai dovrete medicare il gatto a vostra discrezione. Inoltre, bisogna sapere che è comune che la ciclosporina sia solo uno degli strumento per trattare il quadro clinico, per cui il veterinario dovrà ricettare anche altri farmaci e diversi tipi di terapie, soprattutto per alleviare il prurito che si associa a questa malattia.

Vi sono altre indicazioni per l'uso della ciclosporina nel gatto che necessita antiinfiammatori, come nelle seguenti patologie:

  • orticaria
  • asma
  • granuloma
  • stomatite
  • alcune alterazioni oculari
  • malattie infiammatorie intestinali
  • anemia emolitica autoimmune

Solo il veterinario potrà prescriverne l'uso.

Dosi di ciclosporina al gatto

Per calcolare la dose di ciclosporina da somministrare ad un gatto è imprescindibile determinare con precisione il peso del gatto. Si consigliano 7 mg per ogni kg di peso, da somministrare una volta al giorno, almeno come trattamento iniziale, ma la dosi varia a seconda della malattia che bisogna curare. L'idea è quello di andare riducendo questa frequenza a seconda di come evolva la situazione del gatto, ma va detto che di solito sono trattamenti piuttosto lunghi, di varie settimane di durata prima di poter diminuire il dosaggio. Si tratta di una decisione che spetta al veterinario. Va precisato che i gatti a volte possono soffrire di ricadute per cui bisogna iniziare il trattamento da capo.

La ciclosporina si trova in soluzione orale e deve essere data direttamente in bocca o mescolata con il cibo in piccole quantità per essere sicuri che il gatto ingerisca la dose intera. Si può anche somministrare il farmaco in modo transdermico, ma nei gatti non è consigliato perché l'assorbimento è minore. Inoltre la ciclosporina si trova nei colliri che si utilizzano per patologie oculari, per cui non esiste solo la ciclosporina atopica per gatti ma anche quella oftalmica.

Controindicazioni della ciclosporina

Non tutti i gatti sono tolleranti alla ciclosporina. In alcuni casi questo farmaco non è indicato, eccone i principali:

  • Esemplari che abbiano già manifestato allergia a questo principio attivo o che sospettiamo possano essere ipersensibili.
  • Gatti malati di leucemia o di problemi al sistema immunitario. Bisogna fare degli esami al gatto prima di somministrare la ciclosporina.
  • Gatti affetti da diabete
  • Gattini con meno di due mesi di vita.
  • Gatti che pesano meno di 2,3 kg, salvo eccezioni che decida il veterinario.
  • Nei gatti in gestazione o allattamento sarà il veterinario a valutare i rischi ed i benefici dell'uso di questo farmaco, visto che non esistono ancora studi esaustivi sulla sicurezza della ciclosporina in queste situazioni. Si è osservato che in alcuni casi ha attraversato la barriera della placenta e venga secreta nel latte.
  • Gatti che siano stati vaccinati nelle due settimane precedenti. Inoltre non vanno somministrati altri vaccini mentre il gatto è sotto trattamento con la ciclosporina né nelle due settimane successive alla fine della terapia. La ciclosporina infatti interferisce sull'efficacia della vaccinazione.
  • Infine, se il gatto viene trattato con un altro farmaco, il veterinario valuterà il da farsi.

Effetti collaterali della ciclosporina al gatto

La ciclosporina inibisce i linfociti T. Questo fatto ha un effetto sull'aumento dell'incidenza dei tumori maligni perche diminuisce la capacità di risposta del sistema immunitario. Per questo non bisogna mai dare la ciclosporina senza prima avere consultato il veterinario, che valuterà pro e contro di un suo impiego. Se si decide di utilizzarla bisogna tenere sempre il gatto sotto controllo e notare se gli si gonfiano le ghiandole.

Se il gatto è negativo alla toxoplasmosi ma si contagia durante il trattamento con la ciclosporina, può sviluppare la malattia anche in modo grave. Per evitarlo si consiglia di impedire l'accesso all'esterno e non permettergli di ingerire carne o cibi crudi prima che si concluda il trattamento. D'altro canto, il gatto potrebbe presentare effetti collaterali come:

  • Problemi a livello digestivo soprattutto vomito e diarrea.
  • Aumento dell'appetito.
  • Sonnolenza.
  • Ipersalivazione.
  • Iperattività.
  • Iperplasia gengivale (aumento delle dimensioni delle gengive)
  • Sintomi compatibili con il diabete, come l'aumento nella secrezione di ruina o nel consumo d'acqua.
  • Perdita di peso e di appetito. Il gatto va pesato regolarmente per poterne controllare il peso.

Alcuni effetti secondari possono risolversi da soli senza necessitare la sospensione del trattamento, tuttavia in altri casi sarà necessario farlo, oppure modificarlo. Sarà sempre il veterinario a decidere in questi casi.

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Ciclosporina al gatto: Dosi, usi ed effetti collaterali, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Farmaci.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Ciclosporina al gatto: Dosi, usi ed effetti collaterali
Ciclosporina al gatto: Dosi, usi ed effetti collaterali

Torna su