Condividi

Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione

 
Di Giorgio Gattoni. 21 luglio 2020
Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione

Vedi schede di Gatti

Come altre specie, incluso l’uomo, i gatti possono trasmettere diverse malattie, sia alle persone che ad altri animali domestici con cui convivono. Conoscerle e saperne riconoscere i sintomi è cruciale per poter agire con rapidità e rivolgersi subito al veterinario.

In questo articolo di AnimalPedia elencheremo 12 malattie che vengono trasmesse dai gatti con sintomi annessi. Continuate a leggere per sapere quali sono e quali sono i sintomi che dovrete osservare nel vostro gatto.

Potrebbe interessarti anche: Bordetella nei gatti - Sintomi e cura

Malattie trasmesse dai gatti all'uomo

I felini possono trasmettere malattie agli esseri umani, specialmente se non si svolgono le visite veterinarie che includano un calendario delle vaccinazioni aggiornato e una sverminazione periodica. Tra le malattie trasmesse dai gatti all'uomo evidenziamo le seguenti:

Toxocariasi

La toxocariasi è un’infezione provocata da un parassita che colpisce il gatto, il toxocara cati, un lombrico che si annida nell'intestino. Quando questo verme colpisce l’essere umano, la malattia prende il nome di larva migrans viscerale.

Il contagio avviene ingerendo le feci infestate dalle uova del parassita. Ció può essere dovuto ad una pulizia inadeguata della sabbiera del gatto o anche toccando la terra dove fa i bisogni il gatto, per cui bisogna stare soprattutto attenti ai bambini. Si tratta di una patologia pericolosa, poiché il verme è in grado di muoversi ad altri organi del corpo, provocando la cecità quando colpisce gli occhi. I suoi sintomi sono:

  • Fegato gonfio
  • Febbre
  • Infiammazione delle ghiandole linfatiche
  • Tosse

Campilobacteriosi

È una malattia infettiva provocata dal batterio campylobacter jejuni. Viene trasmessa agli esseri umani da vari animali, tra cui i felini quando sono portatori del batterio.

Tra i suoi sintomi troviamo:

  • Dolore addominale
  • Diarrea
  • Febbre alta
  • Crampi
  • Nausea

Toxoplasmosi

Si è parlato molto della toxoplasmosi perché è una malattia che può colpire le donne incinte. Il gatto non è l’unico veicolo di contagio di questa malattia, infatti si può prendere anche ingerendo carne cruda (che è la causa della maggior parte dei contagi), ma anche i felini possono passarla se si viene a contatto con le loro feci o se la persona ad esempio non lava le mani dopo aver toccato la sabbiera.

La malattia è provocata dal parassita toxomplasma gondii, che si trova in tutto il mondo. La presenza del parassita può essere asintomatica sia nei gatti che negli esseri umani. Quando invece presenta i sintomi classici essi sono:

  • Febbre
  • Stanchezza ingiustificata
  • Infiammazione delle ghiandole linfatiche
  • Dolore muscolare
  • Eruzioni cutanee

Le donne incinte che ne vengono colpite corrono il rischio di abortire, mentre la presenza del parassita nel feto può provocare cecità o deformazioni. Si consiglia di effettuare una visita dal veterinario per scartare o confermare la presenza del parassita.

Infezioni

I morsi o i graffi che il gatto può infliggere possono provocare infezioni se la ferita non viene disinfettata perché diviene un fuoco per la penetrazione dei batteri nel corpo. Quando ció accade i sintomi sono:

  • Gonfiore della zona
  • Arrossamento
  • Dolore

Se avete ricevuto un morso o una graffiatura si deve lavare la zona subito. Se l’infiammazione aumenta e non recede, bisogna recarsi al pronto soccorso perché vengano somministrati degli antibiotici.

Giardiasi

La giardiasi è un’infezione prodotta dal parassita Giardia intestinale. Si trasmette tra gatti de esseri umani per contatto con feci infette. A sua volta il gatto può rimanere contagiato consumando acqua o alimenti contaminati.

Anche se la presenza di tale parassita può essere asintomatica, i possibili segnali dell’infezione sono:

  • Diarrea maleodorante
  • Nausea
  • Spossatezza
  • Dolore addominale

Allergie

Alcune persone sviluppano allergie quando sono in presenza di un gatto. Ció avviene perché i felini generano una proteina chiamata glucoproteina, alla quale molte persone sono intolleranti. I sintomi sono:

  • Muco
  • Starnuti
  • Gonfiore degli occhi
  • Tosse
  • Prurito al palato

Anche se non si tratta di una ‘malattia’ trasmessa dai gatti, sono loro che scatenano l’allergia.

Malattia di Lyme

È un’infezione provocata dalle zecche e causata dalla spirocheta borrelia. In alcuni casi è possibile il contagio tra gatti de esseri umani. La zecca che trasmette la malattia è portatrice dei batteri. La patologia da i seguenti sintomi:

  • Eruzioni cutanee
  • Febbre
  • Brividi
  • Spossatezza
  • Cefalea

Questi sintomi appaiono nella prima fase della malattia. Tuttavia essa continua a svilupparsi all'interno del corpo per mesi o anni, trascorsi i quali si cominciano a evidenziare problemi cardiaci, meningiti, paralisi facciali, allucinazioni, artrite, tra gli altri sintomi. Si tratta di una malattia cronica degenerativa.

Anchilostomiasi

La anquilostomiasi è un’infezione intestinale provocata dalla presenza del parassita Ancylostoma duodenale o del Necator americano. Si contagia dai gatti agli esseri umani a causa del contatto con feci infette o attraverso la penetrazione dalla pelle.

I sintomi sono:

  • Diarrea
  • Stanchezza
  • Inappetenza
  • Anemia
  • Emorragie epatiche
  • Dolore addominale
  • Faringite

Quando parliamo del contagio di queste malattie va tenuto presente che solo un gatto trascurato e senza la giusta attenzione veterinaria può trasmetterle. Tra gli uomini i più esposti a contrarle sono i bambini inferiori ai 5 anni e le persone che soffrono di altre malattie e che hanno quindi il sistema immunitario indebolito.

Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione - Malattie trasmesse dai gatti all'uomo

Malattie trasmesse dai gatti ai cani

Anche se i gatti e i cani appartengono a specie diverse, esistono alcune malattie che possono trasmettersi dall'uno all'altro. Vediamo quali sono.

I parassiti, esterni de interni, responsabili di diverse malattie, sono il principale veicolo di contagio tra cani e gatti. Le pulci e altri parassiti infatti anche se prediligono i gatti o i cani, possono facilmente passare ad un altro animale, sopratutto se essi convivono.

Inoltre i parassiti interni come vermi e batteri, come i nematodi, anchilostomi e tricofecali, si trasmettono attraverso le feci, per cui cani e gatti che condividono lo stesso spazio possono contagiarsi. Questo accade perché i cani a volte si cibano delle feci di altri animali, per cui se il gatto è infetto passerà il parassita anche al cane facilmente.

Allo stesso modo i cani possono, a causa di morsi o ferite di gatto, essere contagiati da toxoplasmosi, rabbia e alcuni tipi di scabbia.

Malattie trasmesse dai gatti randagi

I gatti randagi sono esposti a molteplici malattie, poiché si trovano in un territorio ricco di batteri, virus e parassiti di ogni tipo e non ricevono le cure veterinarie necessarie. Queste sono alcune delle patologie che possono trasmettere.

Rabbia

La rabbia è causata dal rabdovirus e può essere mortale nei gatti. Un morso di un gatto rabbioso si contagia sia agli uomini che ai cani, visto che la ferita permette ai virus di passare nel sangue. Viene trasmessa da gatti che non sono stati vaccinati.

Tra i suoi sintomi troviamo:

  • Febbre
  • Mal di testa
  • Spossatezza
  • Confusione
  • Spasmi muscolari
  • Aggressività
  • Allucinazioni

Se non viene curata per tempo è mortale per l’uomo.

Tigna

La tigna è un’infezione della pelle provocata da parassiti chiamati dermatofiti. Si trasmette attraverso il contatto con animali infetti o con oggetti o posti che tocca o frequente l’animale, il fungo sopravvive in questi spazi.

Si manifesta cosí:

  • Pelle squamata
  • Arrossamento
  • Infiammazione
  • Alopecia nella zona colpita.

Malattie dovute ai graffi di gatto

Una di queste malattie viene chiamata malattia del graffio di gatto, che si verifica quando un felino è infettato dal batterio Bartonella henselae.

Questi sono i sintomi:

  • Gonfiore della zona colpita
  • Infiammazione delle ghiandole linfatiche
  • Arrossamento della pelle
  • Febbre
  • Spossatezza
  • Cefalea

Scabbia

La scabbia o rogna, è una malattia della pelle prodotta da diversi ectoparassiti, varie sottospecie di acari che colpiscono i felini ed altre specie animali.

Considerato che la malattia viene cagionata da diversi tipi di acaro, alcuni sono trasmissibili ad altre specie, mentre altri tipi di scabbia no. I tipi di scabbia che si trasmettono sono:

  • Scabbia otodettica:colpisce le orecchie del felino e può essere trasmessa ai cani.
  • Scabbia demodettica: colpisce tutto il corpo e si produce nei gatti e nei cani, per cui pupo trasmettersi dall’una all’altra specie.
  • Cheyletiella: chiamata anche forfora che cammina, è un tipo di scabbia in cui si possono osservare gli acari muoversi sul pelame. I gatti possono trasmetterla ai cani e agli uomini.

Oltre a queste malattie i gatti randagi possono passare anche parassiti e la toxoplasmosi. Tuttavia, nonostante le malattie menzionate siano comuni in questi animali, un gatto che vive in casa ma che esce con frequenza e che non riceve le dovute attenzioni, può contrarla.

Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione - Malattie trasmesse dai gatti randagi

Prevenzione

Qualsiasi felino che non abbia ricevuto cure veterinarie può essere portatore di queste malattie e soffrirne le conseguenze, per cui vi consigliamo di:

  • Vaccinare il gatto contro le principali malattie e seguire i consigli del veterinario oltre a mantenere dei controlli periodici e fare i richiami.
  • Portare il gatto a fare un controllo generale una volta l’anno.
  • Controllare il pelo del gatto in cerca di pulci, zecche o altri segni inusuali per accorgervi di eventuali malattie per tempo.
  • Evitare che il vostro gatto stia a contatto con felini randagi.
  • Lavare le mani con acqua e sapone dopo aver toccato il gatto o gli oggetti che usa.
  • Evitare che i bambini piccoli tocchino le feci del gatto o stiano vicini alla sabbiera.
  • Non condividere cibo con il gatto né baciatelo sulla bocca.
  • Mantenere puliti gli spazi dove il gatto gioca e dorme.
Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione - Prevenzione

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie batteriche.

Scrivi un commento su Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione
1 di 4
Malattie trasmesse dai gatti: Sintomi e prevenzione

Torna su