Condividi

Colibrì: insetto o uccello?

Di Cecilia Verza, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. Aggiornato: 21 dicembre 2018
Colibrì: insetto o uccello?

Il colibrì è un piccolo animale caratterizzato dalla vivezza di colori del suo piumaggio e dalla velocità con cui è in grado di muovere le ali. Allo stesso modo, si distingue per l'esecuzione di un curioso rituale di accoppiamento e per le sue piccole dimensioni.

Vuoi sapere se il colibrì è un insetto o un uccello? Su AnimalPedia te lo spieghiamo in modo semplice e completo, ideale per poterlo raccontare anche ai bambini. In questo modo, ti mostriamo che cosa mangia il colibrì, la sua riproduzione, dove vive, le sue caratteristiche e molte cose ancora.

Potrebbe interessarti anche: Tutte le specie di colibrì

Colibrì: caratteristiche

I colibrì sono animali di piccole dimensioni: infatti, esistono moltissime specie ognuna dalle dimensioni e peso diverso, però il colibrì più piccolo di tutti (Colibrì di Elena o Mellisuga helenae) è lungo 5 cm e pesa meno di 2 g. Il più grande invece (Colibrì gigante o Patagona gigas) è lungo 20 cm circa e pesa quasi 20 g. Normalmente le femmine di colibrì sono più grandi che i maschi.

È interessante osservare che nei colibrì il dimorfismo sessuale è molto evidente: infatti, oltre al fatto che le femmine hanno dimensioni maggiori, le colorazioni sono molto diverse rispetto al maschio.

Colibrì: dove vive

I colibrì vivono in una zona molto estesa: dall'Alaska fino alla Terra del Fuoco e sono distribuiti in modo non omogeneo: infatti, le specie di colibrì sono molto diverse in ogni area in cui si trovano. La maggior parte di questi simpatici uccelli si trova nella fascia tropicale e subtropicale, dove il clima è caldo e favorisce una buona vegetazione.

Il colibrì è un insetto o un uccello?

Per via delle sue piccolissime dimensioni e la sua agilità, il colibrì spesso non è stato considerato un uccello. Quindi, il colibrì è un insetto? Il colibrì che appartiene alla famiglia dei trochilidi è un uccello, però esiste un lepidottero della famiglia Sphingidae che è conosciuto come sfinge colibrì. Questi, sbatte le ali così velocemente come un colibrì e possiede una spirotromba con cui può prelevare il nettare. Dobbiamo quindi differenziare il colibrì, con tutte le specie che esistono, dalla sfinge colibrì, che effettivamente è un insetto.

Processo di impollinazione del colibrì

Il colibrì appartiene alla famiglia dei trochilidi (Trochilidae), che comprende più di 300 specie di uccelli che sono distribuiti nelle Americhe. È facile da riconoscere per la velocità con cui agita le ali.

Se ancora non sai cosa mangia il colibrì, dovresti sapere che si nutre del nettare dei fiori e svolge un ruolo molto importante nel mantenimento dell'equilibrio dell'ecosistema, poiché è incaricato di impollinare i fiori, cioè trasporta il polline da un fiore a un altro e contribuisce alla sua riproduzione, se entrambi fanno parte della stessa specie. Questo processo è possibile perché quando il becco viene introdotto per nutrirsi del nettare, il polline si attacca ad esso e viene trasferito alla successiva pianta che l'uccello visita per continuare a mangiare.

Colibrì: insetto o uccello? - Processo di impollinazione del colibrì

Migrazione del colibrì

I colibrì sono uccelli che volano in zone diverse a seconda del clima e, pertanto, questa migrazione fa parte del loro ciclo vitale. Quando arriva la stagione invernale, volano verso zone più calde, ma solo provvisoriamente, perché quando iniziano ad aumentare le temperature tornano al loro luogo d'origine. Il colibrì riconosce un territorio come proprio e cerca di non allontanarsene troppo, così nei periodi freddi lo abbandona solo per sopravvivere, ma ritorna ai luoghi originari quando arriva l'estate.

Durante questo periodo, i colibrì si preparano per la riproduzione nel momento in cui le temperature aumentano, quindi la loro attività principale è nutrirsi. In sé e per sé, il metabolismo di un colibrì è così veloce che ha bisogno di mangiare ogni dieci minuti per sopravvivere.

Riproduzione del colibrì

Quando arrivano le alte temperature, i colibrì ritornano alle loro vecchie case e inizia la stagione degli amori. Un dato curioso sul ciclo di vita del colibrì è l'arrivo dei maschi tra gli 8 e i 10 giorni prima delle femmine.

Il protagonista dell'accoppiamento è il maschio, che esegue un rituale con piroette, danze e persino alcune canti per attirare l'attenzione della femmina. Così, possono raggiungere grandi altezze prima di iniziare il volo a tutta velocità, producendo una sorta di ronzio con le ali e catturando l'attenzione delle femmine. Nel frattempo, la femmina sceglie il pretendente con cui si riprodurrà.

Dopo l'accoppiamento con questa coppia, il maschio può ripetere il rituale con altre femmine, dato che non crea legami per tutta la vita come gli altri uccelli, che sono fedeli al loro partner. Allo stesso modo, durante il seguente ciclo di riproduzione, la femmina si accoppierà con un altro maschio. Bisogna evidenziare che ogni maschio ha un territorio stabilito: infatti, il colibrì è un animale estremamente territoriale e accetterà solo di accoppiarsi con una o più femmine nella sua area.

Colibrì: insetto o uccello? - Riproduzione del colibrì

Colibrì: costruzione del nido

Dopo la fecondazione, la femmina è responsabile della costruzione del nido prima di deporre le uova. È impegnata in questo compito a raccogliere rami, pezzi di corteccia d'albero e, alla fine, unisce tutto usando ragnatele.

Il nido del colibrì misura circa 6 centimetri di altezza e tra i 3- 4 cm di larghezza. Inoltre, ha una forma conica. La femmina lo userà solo per la deposizione e l'allevamento dei pulcini, perché non li approfittano per abitarli.

Colibrì: insetto o uccello? - Colibrì: costruzione del nido

Incubazione e nascita del colibrì

La femmina depone 1- 3 uova che devono essere incubate per 18 o 21 giorni. Le uova di colibrì sono tra le più piccole al mondo, raggiungendo a malapena una dimensione simile a quella di un chicco di legumi, tipo un fagiolo o una lenticchia.

L'incubazione è molto importante, poiché consente lo sviluppo del pulcino all'interno dell'uovo. Ecco perché la femmina si concentra su questa attività e lascia il nido solo per nutrirsi, non più di qualche minuto ogni ora. Nonostante i loro sforzi, purtroppo non tutte le uova si schiudono o non sopravvivono tutti i pulcini.

Schiusa delle uova del colibrì

Dopo il processo di incubazione, i pulcini rompono il guscio. I cuccioli misurano solo 2 centimetri e pesano meno di un grammo, nascono ciechi e dipendono completamente dalla madre, sia per nutrirsi sia per conservare il calore corporeo. La femmina lascia il nido più di 100 volte al giorno per nutrire i suoi pulcini, che alimenta con nettare, ma anche con alcuni insetti rigurgitati. In questo modo, il ciclo di vita del colibrì viene riattivato con la nascita di nuovi esemplari.

Una settimana dopo la nascita, cominciano ad apparire le prime penne e la dimensione del pulcino raddoppia rispetto a quella che aveva alla nascita. Dopo tre settimane sono in grado di volare e iniziano ad avventurarsi nei dintorni del nido. In questa fase, inoltre, la madre li istruisce su come procurarsi il cibo.

Età adulta del colibrì

Dopo il primo mese di nascita, e talvolta anche un po' prima, il colibrì può essere considerato adulto. Lascerà il nido e non tornerà più. In questo modo, si ripete il ciclo di vita del colibrì. L'uccello trascorrerà la maggior parte del suo tempo a nutrirsi e aspetterà il tempo di migrazione per ripetere le fasi sopra descritte.

Quanto vive un colibrì?

Sebbene l'aspettativa di vita del colibrì oscilli tra i 3 e i 5 anni, la maggior parte muoiono ancora essendo pulcini (specialmente quando sono 3 piccoli, è molto laborioso che la madre si prenda cura di tutti), oppure prima del primo anno, una volta che hanno abbandonato il nido. Tuttavia, quando superano questo periodo, il loro tasso di mortalità diminuisce considerevolmente.

Ricordiamo, inoltre, che il colibrì è stato in pericolo di estinzione e tuttora alcune specie lo sono: il disboscamento del suo habitat e la assurda moda europea di collezionarli una volta uccisi sono le cause principali del pericolo che vive questo meraviglioso uccello.

Fasi del colibrì

Abbiamo spiegato il ciclo di vita del colibrì in modo semplice e chiaro che si organizza in 5 fasi principali:

  1. Migrazione: si verifica quando fa freddo per spostarsi verso climi più caldi.
  2. Accoppiamento: tornano a casa quando il tempo è buono e inizia la riproduzione, con rituali caratteristici.
  3. Incubazione delle uova: depongono 1- 3 uova e le incubano per 18-21 giorni.
  4. Nascita dei piccoli: una volta schiuse le uova, la femmina si prende cura dei suoi piccoli, dando da mangiare ai pulcini e dando loro calore.
  5. Età adulta: dopo 1 mese dalla nascita, il pulcino lascia il nido ed è considerato un adulto.

Ora che consci i dettagli sul suo ciclo di vita, che cosa mangia un colibrì e quanti figli possono avere, non perderti questi articoli su questo meraviglioso uccello:

Colibrì: insetto o uccello? - Fasi del colibrì

Se desideri leggere altri articoli simili a Colibrì: insetto o uccello?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Díaz Valenzuela, R. Storia naturale, ecologia e analisi dell'interazione pianta-colibrì in un paesaggio messicano, sotto due approcci teorici: scalabilità in reti ecologiche e interazioni complesse . Dipartimento di Scienze Ambientali e Risorse Naturali dell'Università di Alicante. Giugno 2016

Scrivi un commento su Colibrì: insetto o uccello?

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Claudia
Questo animale è motlo interessante. Non conoscevo tutte le caratteristiche del colibrì. Grazie AnimalPedia

Colibrì: insetto o uccello?
1 di 6
Colibrì: insetto o uccello?

Torna su