Condividi

Sverminare il gatto: come e quando farlo

 
Di Lorena Bonioni, Traduttrice e copywriter junior di AnimalPedia. Aggiornato: 19 novembre 2018
Sverminare il gatto: come e quando farlo

Vedi schede di Gatti

I gatti sono animali molto puliti e attenti alla loro igiene, ma ciò non significa che siano protetti contro i parassiti esterni, come ad esempio le pulci. Se il tuo gatto va spesso fuori o vive con altri animali che escono di casa potrebbe esserne attaccato. I parassiti, sia interni che esterni, possono colpire il nostro gatto e causare gravi malattie.

Per questo motivo è essenziale sverminarlo regolarmente e proteggere il tuo gatto dai parassiti. In questo articolo di AnimalPedia scoprirai l'importanza di sverminare il gatto: come e quando farlo, e anche come sverminare il gatto in modo naturale.

È importante sverminare il gatto anche prima di portarlo con sé in un viaggio all'estero, poiché ci sono delle leggi e delle norme da seguire regolamentate dal Parlamento Europeo sui movimenti di carattere non commerciale degli animali da compagnia tra gli Stati membri e da paesi terzi verso l'Unione Europea[1]. Queste norme servono ad evitare di importare ed esportare malattie anche contagiose per l'uomo.

Potrebbe interessarti anche: Come insegnare a parlare a un pappagallo

Sverminare gatto: vermifugo esterno

Le pulci e le zecche sono i principali parassiti esterni che possono colpire il tuo gatto. Se il tuo felino esce regolarmente di casa è più esposto, ma anche se non lo fa è conveniente proteggerlo: come il detto dice, meglio prevenire che curare. Questi parassiti possono essere osservati ad occhio nudo e un sintomo è che il gatto si gratta più del solito. Se notiamo la presenza di pulci o zecche, è importante pulire le coperte, divani e letti su cui di solito si sdraia il nostro amico felino.

Esistono diversi modi per sverminare esternamente il gatto e ciascuno lo protegge secondo il proprio scopo:

  • Fiale: sono somministrate nella parte posteriore del collo del gatto, dove non può leccarsi. Non è necessario estenderlo al resto del corpo poichè, anche se somministrato solo in un punto, protegge l'intero corpo dopo soli pochi minuti. Serve come trattamento per eliminare possibili parassiti esistenti e anche come prevenzione. A seconda della marca, il tempo tra le dosi può variare e cambia anche a seconda del peso del gatto. Alcune fialette sono in grado di effettuare la sverminazione del gatto sia esternamente che internamente.
  • Shampoo: sono usati come trattamento (ovvero eliminano un'infestazione) ma non sono utili a prevenire.
  • Collari antiparassitari: impediscono alle pulci di aderire al pelo e alla pelle del gatto ma non proteggono a lungo. Inoltre se il tuo gatto non è abituato a indossare un collare può essere un problema.
  • Pillole: le compresse sono utilizzate in casi speciali come cuccioli molto piccoli o in gatti in stato di gravidanza. Ecco alcuni consigli su come dare una pillola al gatto.
  • Spray: gli spray sono spruzzati su tutto il corpo dell'animale. La sua efficacia è compresa tra le 2 e le 4 settimane e viene solitamente utilizzata nei gatti piccoli.

Scegli il metodo più adatto alle esigenze del tuo gatto, a seconda delle sue abitudini, dell'età e del peso. Ci possono essere differenze nella composizione a seconda della marca, ma nella maggior parte dei casi proteggono tutti in modo efficace.

In questi ue articoli di AnimalPedia ti diamo alcuni utili consigli su come eliminare le pulci dai gatti anche in modo naturale, ad esempio producendo tu uno spray antipulci con la buccia d'arancia o di limone.

Sverminare il gatto: come e quando farlo - Sverminare gatto: vermifugo esterno

Sverminare gatto: vermifugo interno

I parassiti interni attaccano l'apparato digerente dei gatti causando seri problemi, se non si interviene per tempo. I vermi piatti come la tenia e i vermi rotondi sono spesso i più frequenti nei gatti e possono scatenare gravi carenze nutrizionali, fino a causarne la morte. Inoltre, un gatto con parassiti interni può infettare altri gatti o animali domestici attraverso le sue feci.

A seconda del parassita, a volte è possibile vedere i vermi a occhio nudo nel vomito o nelle feci, ma un test delle feci rivelerà con certezza la presenza di tali parassiti e la classe cui appartengono. Ovviamente, appena si individuano vermi nel vomito o nelle feci, bisogna portare subito il felino dal veterinario.

I metodi esistenti sul mercato non prevengono da questi parassiti ma eliminano quelli esistenti. Per questo vanno somministrati con più regolarità. Ecco un elenco:

  • Pillole: è il metodo più utilizzato, il tuo veterinario indicherà il più appropriato per il tuo gatto a seconda del verme. La tecnica più facile perché il tuo gatto la ingerisca è quella di mescolarla con il cibo che gli offri.
  • Iniezioni: in casi speciali il veterinario può decidere di inniettare i farmaci direttamente nel sangue.
  • Liquido: vermifugo per gatti che viene somministrato oralmente con una siringa senza ago, direttamente in bocca.
  • Pasta: esistono paste per gatti che vanno spalmate direttamente nella bocca dell'animale o mecolate al cibo. Il Nemex per gatti, ad esempio, non presenta alcuna controindicazione ed è adatto a tutte le età ed anche alle gatte in gravidanza o in fase di allattamento[2].
  • Fiale: come abbiamo già detto, esistono sul mercato fialette che sverminano i gatti sia internamente che esternamente, per evitare di somministrare al gatto due prodotti differenti.

Abbiamo elencato tutti i metodi su come sverminare il gatto quando vomita vermi, in caso di tenia, se notiamo vermi bianchi nelle feci o più in generale se ci accorgiamo che il gatto ha i vermi intestinali. Non tutti servono a prevenire i parassiti e i vermi, ma altri sì. In ogni caso bisogna sempre rivolgersi al veterinario, il quale ti indicherà la cura migliore per il tuo gatto, e seguire il calendario delle vaccinazioni.

Sverminare il gatto: come e quando farlo - Sverminare gatto: vermifugo interno

Sverminare gatto: quando effettuarla?

Sverminazione esterna nei gatti:

Bisogna proteggere il gatto dai parassiti esterni fin dalla più tenera età, parlare con il veterinario e scegliere il vermifugo più adatto a lui. Per facilitarne l'applicazione è raccomandato usare uno spray nei primi mesi di vita e invece le fialette quando il gatto è già entrato nell'età adulta.

A seconda del prodotto e del metodo scelti, il tempo di protezione può variare anche di molto. Se il tuo gatto vive in casa e di solito non esce o non interagisce con altri gatti o animali domestici, puoi applicare una fialetta ogni 3 mesi. Se invece esce molto ed è a contatto con altri animali, puoi ridurre il tempo tra le dosi a 1 mese e mezzo.

Sverminazione interna nei gatti:

La prima volta sarà a 6 settimane di vita. Se hai un gatto cucciolo sarà il tuo veterinario a indicarti il programma di sverminazione e vaccinazione. L'animale deve sempre essere sverminato internamente prima di ogni vaccinazione.

È il veterinario che anche in questo caso ti informerà sulle dosi adatte al tuo cucciolo. Ricorda che nei primi 3-4 mesi di vita il tuo gatto riceve i vaccini più importanti. Durante i primi 6 mesi sarà sverminato ogni mese, successivamente sarà sufficiente una volta ogni 3 mesi.

Se hai appena adottato un gatto adulto, puoi eseguire sverminazioni interne ed esterne anche a casa. Sebbene sia un gatto dall'aspetto sano, devi assicurarti di eliminare tutti i parassiti che potrebbe avere per proteggere non solo gli altri gatti o animali domestici di casa, ma anche gli esseri umani, dato che ci sono malattie come la toxoplasmosi felina, che può colpire l'uomo ed essere pericolosa soprattutto per le donne in stato di gravidanza.

Sverminare il gatto: come e quando farlo - Sverminare gatto: quando effettuarla?

Come sverminare il gatto in modo naturale

Ci sono diversi modi per sverminare il gatto in modo naturale, che sono diversi a seconda del parassita, se interno o esterno.

Se il parassita è esterno, come ad esempio le pulci, è bene fare prevenzione con eventuali collari o spray antipulci, tenendo pulita la casa, curando l'igiene del gatto e in particolare la lettiera, oltre che facendo attenzione all'alimentazione dell'animale.

Se il parassita è interno, alcuni metodi casalinghi consigliati sono:

  • Digiuno con aceto di mele: Aggiungi due cucchiai di aceto di mele all'acqua del gatto, è un ottimo antisettico per eliminare i parassiti nel tratto digerente.
  • Semi di zucca tritati: agiscono come lassativo efficace e leggero, utilissimi per combattere le tenie, ma anche per prevenirle. Si macinano i semi con la macina da caffè e si mescolano al cibo del gatto in modo regolare. La dose consigliata da somministrare è di un cucchiaino di semi ogni 10 kg di peso corporeo dell'animale.
  • Timo: il timo è una pianta dalla potente attività antisettica che aiuta a eliminare i parassiti dal tratto gastrointestinale del gatto. Sminuzzalo fino a trasformarlo in una polvere da spargere sul cibo una volta al giorno per una settimana.
  • Aglio: è un ottimo antiparassitario naturale contro i vermi dei gatti, soprattutto contro la giardia. L’aglio, che stimola il sistema immunitario, va tritato finissimo e aggiunto al cibo del gatto. Si raccomanda un massimo di mezzo spicchio di aglio al giorno.
  • Papaya: rappresenta un ottimo antiparassitario intestinale contro i vermi del gatto. Studi approfonditi hanno dimostrato che è utilissima per eliminare in particolare gli ascaridi e una fonte di enzimi naturali che aiutano la digestione.
  • Carota: fino a due cucchiaini al giorno, aiuta a mantenere l'intestino pulito e quindi meno a rischio di contrarre parassiti intestinali.
  • Curcuma: ha dimostrato essere un utile antinfiammatorio e aiutare a riparare l’intestino dai danni causati dalle infezioni e dai vermi del gatto. Ha inoltre un effetto benefico sul fegato.

È importante parlare con il veterinario prima di ricorrere a qualsiasi rimedio naturale: sarà il dottore a spiegarti quale metodo usare, insieme a eventuali medicinali, con che tempistiche e in quali dosi. In ogni caso è molto importante la prevenzione.

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Sverminare il gatto: come e quando farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Antiparassitari.

Fonti
  1. RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO concernente l'articolo 23 del regolamento (CE) n. 998/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle condizioni di polizia sanitaria applicabili ai movimenti a carattere non commerciale di animali da compagnia, Bruxelles, 2007
  2. Nemex (pyrantel pamoato) Pasta per gatti, foglietto illustrativo.

Scrivi un commento su Sverminare il gatto: come e quando farlo

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Sverminare il gatto: come e quando farlo
1 di 4
Sverminare il gatto: come e quando farlo

Torna su