Condividi

Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta?

 
Di Lorena Bonioni, Traduttrice e copywriter junior di AnimalPedia. 19 ottobre 2018
Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta?

Vedi schede di Gatti

Probabilmente avete sentito che i gatti domestici hanno un palato molto selettivo, rendendo il processo di cambiamento della dieta una vera sfida. È una verità innegabile per cui dobbiamo stare molto attenti e prudenti quando offriamo un'alimentazione diversa o incorporiamo un nuovo alimento nella dieta del gatto. È essenziale essere anche consapevoli che ci sono una serie di cibi vietati ai gatti (nell'articolo facciamo riferimento a 10 alimenti) che possono causare gravi sintomi di intossicazione o avvelenamento.

Nonostante ciò, con dedizione, pazienza e l'adeguata guida specializzata di un veterinario, è possibile adattare il palato di un gatto a nuovi sapori, aromi e consistenze di alimenti per gatti. Abbiamo scritto questo nuovo articolo di AnimalPedia sulla "Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta?" proprio per aiutarti in questo processo. Pronto per iniziare?

Potrebbe interessarti anche: Cambio di denti del cucciolo
Passi da seguire:
1

Prima di apportare qualsiasi cambiamento nell'alimentazione del gatto o di qualsiasi animale domestico, è essenziale consultare un veterinario di fiducia, soprattutto per sapere se il nostro gatto è abbastanza forte e sano per affrontare un cambiamento nella dieta. È inoltre fondamentale avere la guida specializzata di un veterinario per scegliere il nuovo mangime, tenendo presente che deve contenere livelli adeguati di nutrienti e allo stesso tempo appagare l'appetito del nostro micio.

Un'altra scelta possibile è quella di offrire al proprio gatto domestico una dieta cruda o BARF: anche in questo caso, prima del cambio di dieta, consigliamo di rivolgersi al veterinario per gli accertamenti.

Le visite periodiche dal veterinario sono essenziali anche per rilevare eventuali allergie o possibili sintomi di patologie associate a squilibri alimentari, come diabete , obesità o insufficienza renale. In questi casi,infatti, il tuo gatto dovrà adottare una dieta specifica per prevenire l'evoluzione di questi sintomi e dargli una migliore qualità di vita.

Cosa dare da mangiare ai gatti

La dieta ideale del gatto deve essere composta da 26% di proteine + 40% di grassi. Molti prodotti sul mercato non rispettano questo standard e per questo alcuni proprietari di gatti decidono di integrare la dieta industriale con quella casalinga.

Il gatto, in quanto carnivoro, necessita di un elevato contenuto proteico e perciò il suo apparato digerente non è adatto a diete povere di proteine.[1]Sapere cosa mangia il gatto è fondamentale per la sua salute. Il cibo dei gatti varia a seconda dell'età e del peso e deve contenere alcuni elementi fondamentali come la taurina, Omega 3 e 6, calcio, fosforo o magnesio. In questo articolo spieghiamo nel dettaglio cosa mangiano i gatti.

Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta? - Passo 1
2

Cambiare l'alimentazione del gatto dovrebbe sempre essere un processo lento e graduale, che rispetta il tempo di adattamento di ogni micio. I gatti si aggrappano alla routine e alle abitudini alimentari quotidiane per sentirsi al sicuro a casa loro e non si espongono a contesti sconosciuti che possono rappresentare un rischio per il loro benessere. Se costringiamo il nostro gatto a sperimentare un improvviso cambiamento nella sua dieta, favoriamo la comparsa di sintomi di stress e anche di alcuni segni fisici, come vomito e diarrea.

I gatti anziani richiedono un'attenzione speciale per cambiare la loro dieta, perché hanno bisogno dei nutrienti giusti, come un elevato apporto di proteine ​​e alcune vitamine, per compensare la naturale perdita di massa muscolare e il declino metabolico. Inoltre, di solito sono più vulnerabili allo sviluppo di disturbi digestivi di fronte ad un improvviso cambiamento nella dieta. Se ti interessa sapere di più su come accudire i gatti anziani e sull'alimentazione corretta del gatto anziano, leggi i consigli di AnimalPedia.

La prima regola è dunque quella di non sostituire mai completamente o improvvisamente l'alimentazione del gatto con quella nuova, anche se casalinga o vegana e vegetariana. Per cambiare il cibo ai gatti devi iniziare sostituendo una percentuale molto bassa di quello vecchio con il nuovo. Puoi aumentare gradualmente questa percentuale fino a quando il nuovo alimento rappresenta il 100% della sua dieta quotidiana.

Alimentazione gatto: cambio di dieta passo a passo

Per rendere effettivo e non traumatico il cambio, abbiamo bisogno di 10 giorni:

  • 1 ° e 2 ° giorno: aggiungiamo il 10% del nuovo cibo e completiamo il 90% con quello precedente.
  • 3 ° e 4 ° giorno: aumentiamo la quantità del nuovo alimento al 25% e aggiungiamo il 75% del precedente.
  • 5 °, 6 ° e 7 ° giorno: mescoliamo proporzioni uguali, offrendo il 50% di ciascun alimento al nostro felino.
  • 8 ° e 9 ° giorno: offriamo già il 75% del nuovo cibo e lasciamo solo il 25% del feed precedente.
  • Dal 10 ° giorno: possiamo già proporre il 100% del nuovo alimento.

Essendo lo stomaco del gatto delicato, è molto molto importante durante tutta la fase di passaggio da un cibo all'altro stare attenti alle reazioni che ha, e allarmarsi soprattutto se inizia a manifestare problemi gastrointestinali. In questo caso consigliamo di rivolgersi subito al veterinario.

Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta? - Passo 2
3

Il seguente passaggio è quello di aggiungere cibo umido o paté al nuovo mangime secco del tuo gatto: è una buona alternativa per nascondere i sapori, stimolare l'appetito e abituarlo un po' alla volta. Puoi persino prepararti un gustoso cibo umido fatto in casa per il tuo gatto, senza conservanti o prodotti industrializzati.

Tuttavia questo deve essere un metodo temporaneo, usato solo durante i primi giorni della transizione alimentare. Altrimenti il tuo gatto potrebbe abituarsi non al nuovo gusto delle crocchette che speravi ma al cibo umido. Il cibo umido ha dei benefici importanti in quanto ricco di acqua e molto nutritivo, ma devi fare attenzione perché, se somministrato in quantità troppo alte, ha anche dei rischi, come quello di sovrappeso o problemi alla tiroide o accumulo di tartaro nei denti. Come spieghiamo approfonditamente in questo articolo sul "Cibo umido per gatti: fa bene o fa male?" l'alimentazione del gatto deve basarsi su cibo secco.

Attenzione alla combinazione di crocchette con cibi casalinghi o umidi poiché può causare problemi digestivi nel nostro felino domestico, in quanto gli alimenti hanno tempi diversi di digestione.

4

I felini apprezzano il cibo ad una temperatura piuttosto calda. Gli animali che cacciano il cibo, infatti, tendono a mangiare la carne della loro preda appena uccisa quando mantiene ancora la temperatura corporea . Perciò, se noti che il tuo gatto non mostra interesse per il tuo nuovo cibo, puoi usare questo trucco di scaldare il cibo per stimolarti a provarlo.

Per riscaldare leggermente il cibo dei gatti, aggiungi un po' di acqua tiepida (ma non acqua bollente!) al mangime secco e lascialo riposare fino a raggiungere una temperatura tra 35 e 37°C, che corrisponde circa alla temperatura corporea media di un mammifero. Ciò non solo aumenterà il sapore e l'aroma del cibo, ma darà anche una consistenza più gradevole al palato della tuo micino.

5

Prima di affermare che il palato del nostro gatto è molto raffinato, dobbiamo essere onesti e ammettere che a volte i proprietari stessi facilitano o aumentano la selettività del palato dei loro amici felini. Infatti tendiamo ad offrire solo un tipo di mangime secco o comunque lo stesso sapore di cibo umido per gran parte della loro vita.

Ovviamente, se un gatto sperimenta un singolo sapore, aroma o consistenza a tempo, sarà molto più difficile che si adatti a una nuova proposta, dato che sappiamo che sono animali abitudinari e si aggrappato a questa routine alimentare molto rigida e poco variata.

Per migliorare la capacità adattativa e la flessibilità del palato dei nostri gatti è meglio abituarli fin da cuccioli. Tutti i felini stabiliscono i criteri del loro palato e i loro gusti personali durante i primi 6 o 7 mesi di vita. Durante questo periodo quindi sono più predisposti a provare diversi aromi, sapori, consistenze e forme di cibo secco e umido. Se facciamo attenzione a proporre una buona varietà di alimenti nella dieta del cucciolo, cresceremo un felino con una grande tolleranza alimentare e una migliore predisposizione ad accettare cambiamenti nella sua routine.

Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta? - Passo 5
6

Ora che sai cosa mangia il gatto e come fare il cambio di dieta, spiegaci nei commenti che tipo di alimentazione dai al tuo gatto, se la diversifichi o no, quali sono i suoi gusti e se lo hai abituato fin da piccolo ai cambi di sapore e di consistenza del cibo. Condividi con gli altri amanti dei felini domestici la tua esperienza e i gusti del tuo adorato gattino!

Se desideri leggere altri articoli simili a Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Diete equilibrate.

Fonti
  1. Nutrire il gatto da carnivoro, 2007, Research and Development Division Procter & Gamble Pet Care, Lewisburg, Ohio, USA.

Scrivi un commento su Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta?

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta?
1 di 4
Alimentazione del gatto: come fare il cambio di dieta?

Torna su